Nuove regole per facilitare e rilanciare il Superbonus

Annunciate dal premier Draghi, le modifiche sono nella bozza del Decreto Semplificazioni. Estesa la tipologia delle unità immobiliari idonee, novità per asseverazioni e CILA

superbonus nel decreto semplificazioni

Lo aveva annunciato in Parlamento durante la presentazione del Recovery Plan, ed è stato di parola. “Già con un decreto legge a maggio – aveva affermato il premier Mario Draghi -, interverremo sul Superbonus con delle importanti semplificazioni per agevolarne l’effettiva fruizione”. Impegno che, appunto, sarà ora rispettato con il varo da parte del Consiglio dei ministri del “decreto semplificazioni”, nome quanto mai appropriato, atteso per la fine della settimana corrente.

L’ultima bozza del testo contiene infatti varie modifiche al Superbonus nella direzione di una sua facilitazione ed estensione. Il tutto, è opportuno ricordarlo, per cercare di dare nuova linfa e slancio ad un provvedimento che dopo la grande attenzione suscitata all’esordio, nella primavera dell’anno scorso, non ha fin qui registrato il successo auspicato. Prova ne sia l’ammontare di circa un miliardo di euro relativo ai lavori avviati in regime di Superbonus quando il citato Recovery Plan prevede una sua copertura finanziaria per circa 18 miliardi fino al termine del 2022.

Comprese le unità immobiliari interne agli edifici

Le semplificazioni più importanti sono sostanzialmente due, indicate entrambe nell’Art. 17 del decreto semplificazioni. La prima allarga di fatto il perimetro di applicazione del Superbonus, estendendone l’applicabilità anche alle unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari. Questo perché il testo originario viene corretto con la soppressione dell’indicazione che restringeva l’applicazione a unità immobiliari “che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi all’esterno”.

Sufficiente la presentazione della CILA

L’altra semplificazione rilevante è quella che va ad impattare sulle complesse e lunghe procedure, peraltro oggetto di molte critiche, necessarie per poter accedere al Superbonus. In particolare i relativi lavori, esclusi quelli con demolizione e ricostruzione, potranno essere realizzati mediante presentazione di CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) ma senza bisogno dell’asseverazione di conformità edilizia-urbanistica.

Ed ancora, il testo contenuto nell’Art. 17 indica che nella CILA vanno “attestati gli estremi del titolo abilitativo che ha previsto la costruzione dell’immobile oggetto d’intervento o del provvedimento che ne ha consentito la legittimazione ovvero è attestato che la costruzione è stata completata in data antecedente al 1° settembre 1967”.

Le altre modifiche contenute nel decreto semplificazioni

Fra le altre modifiche introdotte dal decreto semplificazioni in materia di Superbonus, va segnalata l’estensione dell’agevolazione anche agli interventi effettuati su immobili appartenenti alla categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni) che vengono realizzati da società.

Un’ulteriore novità è relativa ai lavori relativi alla climatizzazione degli ambienti. Infatti, pure in questo caso il decreto estende il perimetro d’applicazione del Superbonus poiché “per impianto termico si intende qualsiasi apparecchio, anche non fisso, finalizzato alla climatizzazione invernale degli ambienti”.

Ragionando al di fuori del Superbonus, vanno poi segnalate le misure relative alla semplificazione per gli impianti di accumulo e fotovoltaici che sono previste dal decreto all’Art. 15. Una serie di interventi che vanno dall’alleggerimento delle procedure relative agli impianti di accumulo alle semplificazioni che riguardano l’installazione di impianti fotovoltaici al servizio di aree industriali e commerciali.

Informazioni su Marco Ventimiglia 180 Articoli
Giornalista professionista ed esperto di tecnologia. Da molti anni redattore economico e finanziario de l'Unità, ha curato il Canale Tecnologia sul sito de l'Unità

1 Trackback / Pingback

  1. Superbonus 110%: per il condominio è una corsa contro il tempo

I commenti sono bloccati.