Un anno di Superbonus: il bilancio di sonnen è molto positivo

Il Superbonus sta avendo un forte impatto sul mercato. Ottimi risultati su integrazione tra impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo, pompe di calore e mobilità elettrica come evidenziato nei sonnen EIS Day

Sono ormai trascorsi 14 mesi dall’introduzione del Superbonus al 110% nel nostro Paese e per fare un primo bilancio della situazione il punto di vista di un’importante azienda operante nel settore delle rinnovabili è ovviamente molto prezioso. Esattamente il caso di sonnen, che ha organizzato la Tavola Rotonda “Superbonus e transizione energetica: l’evoluzione del mercato e i nuovi scenari”, con il coinvolgimento dei suoi partner tecnologici, di esperti del settore e di referenti quali Anie Rinnovabili e Italia Solare.

Un anno di Superbonus: retrospettiva e prospettive future: sonnen EINS day

Il progetto sonnen EINS

Poco più di un anno fa l’azienda tedesca, con un forte radicamento nel nostro Paese, aveva lanciato il progetto sonnen EINS (Energy Independence Network Sonnen) e il modello di vendita diretta al cliente finale come risposta, appunto, all’introduzione del Superbonus nell’ambito del Decreto Rilancio. Ebbene, adesso si può affermare che questo provvedimento, il primo grande intervento strutturale a livello europeo in materia di energie rinnovabili, sta avendo un forte impatto sul mercato, sia per l’effetto trainante degli incentivi, sia perché ha portato ad accelerare il naturale processo di integrazione fra segmenti tra loro diversi ma complementari: produzione di energia, impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo, pompe di calore e mobilità elettrica.

In particolare, per sonnen l’introduzione del Superbonus ha rappresentato la leva trainante per il lancio di un nuovo modello di business. L’azienda ha infatti cominciato a proporre un pacchetto completo presentato come la “Casa a indipendenza energetica sonnen“, il tutto avvalendosi della rete di partner esclusivi sonnen EINS. Quest’ultima costituisce ormai un formidabile valore aggiunto, un’alleanza stretta con i partner e con oltre 700 professionisti, tra figure tecniche e certificatori, che ha contribuito ad affrontare e risolvere la complessità delle procedure burocratiche.

Soluzione economica e sostenibile

“Casa a indipendenza energetica sonnen” rappresenta, come sottolinea l’azienda, una soluzione economica e sostenibile: “Grazie alla sostituzione della caldaia con una pompa di calore, l’integrazione di un impianto fotovoltaico ad alta efficienza e l’innovativo sistema di accumulo intelligente sonnenBatterie unito alla wallbox per la ricarica dei veicoli elettrici New Motion, è possibile infatti abbattere i costi per l’energia elettrica, quelli del gas e anche quelli per la mobilità”.

Insomma, una sorta di full immersion nell’energia rinnovabile che si effettua a costo zero grazie al Superbonus 110%. Da segnalare anche la formula sonnenFlat 1500, con la quale l’azienda offre un bonus energetico in bolletta pari 1500 kWh per coprire il 25% di energia residua non autoprodotta, come ricompensa del fatto che la sonnenBatterie viene utilizzata per fornire servizi di rete.

Energia pulita alla portata di tutti

“Abbiamo colto questa straordinaria opportunità – afferma l’amministratore delegato Vincenzo Ferreri – per fare il salto di qualità al quale da tempo stavamo pensando, ma che abbiamo potuto concretizzare rapidamente grazie alle attuali normative. La mission di sonnen è rendere l’energia pulita alla portata di tutti: in questo senso il sistema di accumulo assume un ruolo fondamentale. Con il Superbonus riusciamo a portare a tutte le case una tecnologia di altissima qualità che prima era riservata solo a pochi e oggi è disponibile per tutti”.

Informazioni su Marco Ventimiglia 182 Articoli
Giornalista professionista ed esperto di tecnologia. Da molti anni redattore economico e finanziario de l'Unità, ha curato il Canale Tecnologia sul sito de l'Unità