5 cambiamenti che hanno trasformato l’illuminazione negli ultimi anni

L’illuminazione, grazie allo sviluppo tecnologico, si evolve e cambia nel tempo: ecco le principali novità che abbiamo vissuto negli ultimi anni

Innovazioni che hanno cambiato il mondo della luce

L’illuminazione è un elemento caratterizzante per qualsiasi tipologia di ambiente e locale interno, in quanto ne determina l’aspetto, ma anche il comfort e la possibilità di svolgervi determinate attività. Proprio per il ruolo centrale che la luce ha nella vita dell’uomo, non deve stupire come nel tempo si siano cercate nuove soluzioni ed innovazioni per migliorare passo dopo passo l’intero comparto dell’illuminazione. Uno studio sempre più accurato della luce e l’evoluzione tecnologica hanno permesso, quindi, di raggiungere risultati eccellenti nel campo dell’illuminazione, soddisfacendo anche obiettivi quali il miglioramento del comfort interno, il risparmio energetico e un controllo della luce sempre più puntuale e personalizzato.

Dalla prima centrale elettrica pubblica aperta a Berlino alla fine dell’800 i cambiamenti sono stati davvero tantissimi. Senza considerare un intero secolo di evoluzioni, ecco quali sono le principali innovazioni che hanno cambiato la luce negli ultimi tempi.

Luce LED e risparmio energetico

Le lampade LED sono la principale soluzione per favorire il risparmio energetico nel campo dell’illuminazione. In realtà, la tecnologia risale agli anni ’60, ma i LED sono stati prodotti in modo più efficiente solo negli anni ’90 e hanno trovato più ampia diffusione (anche in ambito domestico) dopo la dismissione della produzione di lampade ad incandescenza.

Il primo divieto di produzione in Italia è arrivato nel 2009 e dal mese di settembre del 2012 è stato introdotto anche quello sulla vendita di lampadine a incandescenza tra i 25 e i 40 W, ancora in molti magazzini. L’obiettivo era proprio quello del risparmio energetico e della riduzione dell’impatto ambientale dovuto all’uso dei dispositivi di illuminazione. Il risparmio energetico garantito dal LED, del resto, è superiore al 90% rispetto al consumo delle lampadine tradizionali.

Light Design: quando la fisica incontra la creatività

Il LED ha portato con sé anche altre applicazioni della luce, dovute principalmente alla sua versatilità e flessibilità di installazione. Parliamo del Light Design, i cui esempi sono ormai innumerevoli, dall’illuminazione di edifici e monumenti, fino agli eventi e agli spettacoli. Proprio lo sviluppo della tecnologia abbinato allo studio illuminotecnico, infatti, permette di mettere in scena luci, ombre e colori secondo un preciso progetto creativo, che influenza la percezione che lo spettatore ha di spazio, forme e colori.

In un certo senso, è l’applicazione più artistica delle conoscenze tecnico-scientifiche relative al campo dell’illuminazione, che si integrano con quelle architettoniche. Senza pensare necessariamente a grandi eventi e spettacoli, possono essere considerate applicazioni di Light Design anche alcune tipologie di illuminazione degli spazi interni privati, con l’installazione di luci in modo non del tutto convenzionale. Sono sempre più diffusi i tagli di luce su pareti e soffitti, le guide luminose a pavimento o lungo scale e corrimani, per non parlare dei risultati che si possono ottenere all’aperto, con l’illuminazione dei giardini.

nuove tecnologie per illuminazione artistica

Automazione e controllo della luce

Il tema dell’automazione e del controllo degli impianti è ormai consolidato da alcuni anni e gli sviluppi tecnologici vissuti in questo campo sono davvero innumerevoli. Tra le prime soluzioni che si sono diffuse negli ultimi anni ci sono sicuramente i sensori di presenza, i sensori crepuscolari e i dispositivi dimmerabili. Si tratta delle prime forme di automazione e controllo della luce negli ambienti chiusi, ma anche all’aperto. Venivano (e ancora oggi accade) utilizzate soprattutto nei luoghi pubblici, per evitare sprechi e consumi eccessivi di energia.

Domotica e Internet of Things

Lo step successivo, quando si parla di automazione e controllo dell’illuminazione, è stato fatto con l’avvento della domotica e successivamente dell’IoT. Nell’ultimo decennio, infatti, il mondo di Internet si è sovrapposto a quello degli oggetti, dando origini a soluzioni di controllo e automazione sempre più avanzate. Sia nel caso della domotica, che dell’Internet of Things, la luce diventa connessa ed è regolabile e controllabile da remoto tramite uno smartphone.

Questo significa monitorare i consumi, accendere e spegnere a distanza, regolare intensità luminosa e colore, ma anche impostare scenari, ovvero eventi con precise regole che determinano il tipo di illuminazione in quella circostanza. Oggi, quindi, si parla di Smart Lighing, ovvero di illuminazione intelligente. Le applicazioni sono molte anche in ambito pubblico, in cui sta prendendo piede il “lampione intelligente”, che integra alla funzione di illuminare anche una serie di altre possibilità, come il rilievo della qualità dell’aria o delle condizioni del traffico.

Human Centric Light

Infine, cresce sempre di più l’interesse verso lo Human Centric Light, un approccio all’illuminazione che parte dal concetto che la luce sia al totale servizio delle persone.

Questo significa andare oltre un tipico studio illuminotecnico e concentrarsi su tutti gli aspetti umani sui quali interferisce la luce, tra cui quello emotivo e biologico. Presa coscienza del grande potere che la luce ha sulle persone, l’obiettivo diventa quello di eseguire un progetto con precisi obiettivi e che si adatti al massimo alle esigenze e al benessere delle persone.

Si dovrà considerare la tipologia di attività da svolgere in un ambiente, le modalità con cui integrarla con quella naturale, ma anche lo stato emotivo e il ritmo biologico delle persone. In questi progetti, infatti, si cerca sempre di simulare la luce naturale, con tonalità e regolazioni che la rendono dinamica, ma sempre adeguata a ciò che si sta facendo. Ovviamente, questo approccio integra tutte le tecnologie finora viste, soprattutto in ambito di Smart Lighting.

Informazioni su Gaia Mussi 84 Articoli
Laureata in Progettazione Tecnologica e Ambientale, da sempre appassionata ai temi della sostenibilità e della tecnologia. Collabora come copywriter con portali, magazine e aziende per la creazione di contenuti inerenti il campo dell’edilizia, della sostenibilità e del risparmio energetico