Smart Light: scegliere la soluzione giusta per ogni ambiente

L’illuminazione è fondamentale per garantire il benessere delle persone: con la Smart Light, il benessere si coniuga all'efficienza e al risparmio energetico.

La smart light coniuga efficienza energetica risparmio benessere

L’illuminazione è fondamentale per garantire il benessere delle persone che li vivono, in quanto incide direttamente sullo svolgimento delle loro attività e sulla percezione che hanno dello spazio. Con la Smart Light, però, il benessere si coniuga all’efficienza e al risparmio energetico.

Smart Light e risparmio energetico: le nuove lampadine intelligenti

Scegliere la luce giusta per gli ambienti in cui viviamo la nostra quotidianità è importantissimo e nel farlo è imprescindibile prendere in considerazione i consumi energetici che ne dipendono. Il primo passo in questo senso è stato introdurre i dispositivi a risparmio energetico, tanto che le tradizionali lampadine ad incandescenza sono state completamente sostituite da quelle LED, molto più efficienti.

illuminazione intelligente e smart homeMa con l’avvento della smart home, si vuole andare oltre il solo risparmio energetico e si aggiunge il tema dell’illuminazione intelligente. Ovvero, si parla di corpi illuminanti efficienti e improntati al risparmio energetico, che possono implementare ulteriori funzionalità, come il controllo a distanza, grazie alla loro possibilità di connettersi a Internet.

La gestione da remoto è possibile grazie a vari tipi di canali: le Smart Light Bulbs, infatti, possono connettersi tramite wi-fi, bluetooth o altri sistemi proprietari. L’obiettivo, però, non è quello di continuare a controllare, anche se in modo più efficiente, l’impianto, ma è quello di rendere l’illuminazione sempre più automatica, in grado di autoregolarsi in base alle condizioni ambientali e alle esigenze delle persone.

Ormai esistono sul mercato diversi dispositivi per l’illuminazione smart, che rispondono a tutte le esigenze del caso, anche economiche.

Come scegliere l’illuminazione intelligente per la casa

Per scegliere correttamente l’illuminazione intelligente per la propria casa, ci sono alcuni fattori da prendere in considerazione, in parte relativi all’effettiva “luce” emessa da una lampada, in parte legati alla sua “intelligenza”.

La maggior parte delle lampadine smart è a tecnologia LED, per cui difficilmente sarà necessario scegliere quale tipologia di lampada acquistare per risparmiare energia. Sarà comunque necessario considerare di che capacità luminosa abbiamo bisogno, scegliendo la lampadina che emette la quantità luminosa (espressa in Lumen) in base al tipo di ambiente. Se, invece, consideriamo la luce prodotta al metro quadro, l’unità di misura è il lux (lumen/mq). Per dare un’idea indicativa della luce da scegliere, ecco alcuni valori indicativi in lux per ogni ambiente: nelle cucine e nei soggiorni serve più luce, indicativamente intorno ai 150-200 lux; nelle camere da letto possono basta 50-100 lux, mentre nelle zone di passaggio circa 50 lux.

Un’altra importante caratteristica da valutare è la temperatura del colore della luce, da scegliere non solo in base al gusto personale, ma anche in funzione del tipo di stanza da illuminare. La temperatura del colore, che fondamentalmente è la tonalità della luce, è espressa in gradi Kelvin ed è tanto maggiore quanto è più fredda la luce (6500 K per il bianco freddo, fino a 2700 K il bianco caldo, tendente al giallo). Gli elementi che possono incidere nella scelta riguardano il tipo di attività da svolgere in un ambiente e le caratteristiche fisiche dello stesso, come le dimensioni e il colore delle finiture. Esistono lampadine smart in grado di cambiare colore nel campo RGB, grazie a dei comandi a distanza e l’uso di apposite app. Questo permetterebbe di adeguare il colore della luce in base alle necessità, scegliendo colori più freddi durante il giorno e colori più caldi la sera e in fase di rilassamento.

smart light e lampadine LED

Per quanto riguarda la smartness, invece, è importante considerare sia la modalità con cui si possono connettere i dispositivi componenti la rete di illuminazione, sia la compatibilità con eventuali assistenti vocali.

Una soluzione è quella di scegliere lampadine smart che integrano un sistema di connessione, realizzato grazie ad uno specifico protocollo di comunicazione (generalmente ZigBee o Z-wave). L’alternativa è procurarsi un bridge, generalmente più costoso. Infine, come detto, è sempre opportuno verificare con quali assistenti vocali sono compatibili le lampadine smart che si vogliono acquistare. Il comando tramite assistente vocale, infatti, è molto comodo e veloce ed esistono oggi diverse soluzioni disponibili sul mercato.

Per rendere la casa davvero intelligente, inoltre, è possibile combinare le lampadine smart con altri dispositivi IoT, così da creare scenari e rendere l’illuminazione più automatica, ad esempio grazie a sensori di presenza o di rilevazione delle condizioni di luce in una stanza.

Gaia Mussi
Informazioni su Gaia Mussi 16 Articoli
Laureata in Progettazione Tecnologica e Ambientale, da sempre appassionata ai temi della sostenibilità e della tecnologia. Collabora come copywriter con portali, magazine e aziende per la creazione di contenuti inerenti il campo dell’edilizia, della sostenibilità e del risparmio energetico