Impianto fotovoltaico migliore con un tetto verde

Uno studio tedesco su fotovoltaico e tetto verde sottolinea l’accrescimento della resa dei pannelli collegato alla vicinanza della vegetazione con miglioramenti fino all’8%

Fotovoltaico e tetto verde: un connubio vincente

Che le strade della sostenibilità siano molteplici è cosa nota, ma alcune di queste risultano davvero sorprendenti. Esattamente ciò che si prova leggendo lo studio compiuto dall’azienda tedesca Polarstern e dalla Wilhelm Büchner University, secondo cui la presenza di una copertura vegetale su un tetto dove sono installati dei pannelli fotovoltaici ha un effetto di rafforzamento sul rendimento dell’impianto che può arrivare fino ad un miglioramento dell’8%.

I fattori che accrescono la resa

Non a caso la stessa Polarstern, fornitore di energia ecologica e di energia elettrica, ha inserito stabilmente la combinazione con i tetti verdi nei suoi progetti energetici realizzati con il ricorso a impianti fotovoltaici. Il miglioramento della resa, come vedremo nel dettaglio, deriva da vari fattori: le piante sui tetti abbassano la temperatura ambiente, assorbono la polvere sottile e migliorano la produzione di energia solare, anche con radiazione solare indiretta.

Per quanto riguarda l’abbassamento della temperatura ambiente, e quindi quello dei pannelli posti nelle vicinanze, avviene in vari modi poiché con il tetto verde si ha la traspirazione e l’evaporazione attraverso il fogliame, la proiezione delle ombre, nonché l’assorbimento della luce per la fotosintesi. Secondo lo studio, ciò migliora la potenza di uscita dei moduli solari in media del 4,3%. Ma a seconda della tecnologia e della modalità d’installazione si può ottenere anche un incremento superiore. Determinante per il risultato finale è, naturalmente, anche la distanza che esiste tra l’impianto fotovoltaico e il tetto verde.

Tetto verde: meno polveri sottili sul pannello

L’indagine evidenzia poi come la vegetazione presente su un tetto funge anche da filtro dell’aria assorbendo parte delle polveri altrimenti destinate a finire sulla superficie dei moduli fotovoltaici. Secondo le stime, un tetto verde assorbe circa due chilogrammi di polveri sottili per metro quadrato all’anno. Maggiore è l’area fogliare e la resistenza delle piante alla polvere, più forte è questo effetto.

Ne consegue che la vegetazione contrasta la riduzione della capacità riflettente dei moduli solari e quindi il calo della generazione elettrica. Va ricordato che vari studi confermano le perdite di rendimento energetico degli impianti fotovoltaici, specie quelli che si trovano nelle aree del pianeta più inquinate, dovute all’accumularsi delle polveri sottili sulla superficie dei pannelli, perdite che possono arrivare al 30% rispetto al rendimento iniziale.

Fotovoltaico e tetto verde: la capacità di riflessione solare delle piante

Ma non è finita qui perché lo studio tedesco sottolinea un terzo vantaggio derivante dalla presenza di un tetto verde, ovvero quello derivante dalla capacità di riflessione della vegetazione. Infatti le foglie riflettono luce che non colpisce direttamente i moduli fotovoltaici, aumentando così la quantità di irraggiamento utilizzabile dai pannelli stessi. In particolare, la cattura della riflessione solare della vegetazione avviene con maggiore efficacia da parte di impianti di ultima generazione con moduli a film sottile. Le verifiche sul campo, sottolinea l’indagine, portano alla conclusione che un tetto verde può aumentare l’irradiazione fino al 32 per cento rispetto a un tetto in ghiaia.

“L’implementazione della generazione di energia decentralizzata – dichiara Florian Henle, amministratore delegato di Polarstern – ha un effetto importante sul clima e sulla protezione delle risorse. In particolare, l’elettricità ottenuta da impianti fotovoltaici installati su tetti verdi offre molti vantaggi per le città e i loro residenti perché contrasta il cambiamento climatico e le ondate di calore in duplice modo: attraverso gli effetti del tetto verde e la generazione di energia rinnovabile”.

Informazioni su Marco Ventimiglia 193 Articoli
Giornalista professionista ed esperto di tecnologia. Da molti anni redattore economico e finanziario de l'Unità, ha curato il Canale Tecnologia sul sito de l'Unità