Distribuzione elettrica smart per il pomodoro Casar

Essere virtualmente presenti, controllare gli impianti e mantenerli operativi ed efficienti: la distribuzione elettrica smart di ABB diventa strategica nell’industria alimentare

Distribuzione elettrica smart per Casar

Distribuzione elettrica smart significa controllo remoto, efficienza energetica e sicurezza produttiva. Obiettivi pienamente raggiunti da Casar, azienda sarda di lavorazione del pomodoro che ha recentemente riqualificato il proprio impianto elettrico con tecnologie Intelligent Distribution di ABB.

Perché intervenire? Tra la raccolta dei pomodori – rigorosamente made in Sardegna – e la preparazione della passata devono passare massimo 12 ore. Ma Casar è una realtà vivace e in forte espansione: per coniugare strategie di crescita, standard di qualità ed elevata produttività, i suoi impianti funzionano a pieno regime 24 ore su 24. La possibilità di controllare virtualmente ogni aspetto elettrico cambia decisamente le carte in tavola.

Distribuzione elettrica smart: il progetto

Lo stabilimento di Serramanna (SU) occupa un’area di circa 120.000 metri quadrati, dei quali 31.000 coperti. Nei suoi spazi si trasformano circa 400.000 quintali di pomodori, raccolti su 330 ettari e immediatamente inseriti nel ciclo produttivo, che garantisce freschezza e qualità made in Italy. In passato, durante il picco della stagionale della produzione di pelati e passate era necessario presidiare “fisicamente” gli impianti.

Casar produce ogni anno oltre 22 milioni di confezioni di conserve con pomodoro di Sardegna

“La nostra principale esigenza – spiega Michel Elias, amministratore di Casar – era monitorare l’impianto da remoto, senza la presenza costante di personale di manutenzione durante il ciclo di produzione continua. La soluzione proposta da Gruppo Gattermayer e QService, con tecnologie ABB, ci è sembrata da subito interessante. La piattaforma cloud che oggi utilizziamo è semplice e intuitiva. Questo ci permette di controllare i parametri più importanti dell’impianto elettrico e disporre interventi mirati quando necessario”. Il tutto, nasce dall’installazione di due nuovi quadri di distribuzione generale in sostituzione di quelli esistenti, ormai obsoleti. Vediamone le caratteristiche principali.

Come nascono i quadri elettrici connessi

Distribuzione elettrica smart: il modulo Ekip UP
Le unità digitali Ekip UP di ABB

Al cuore dei Power Center targati ABB, i quadri System Pro E power di corrente nominale 1250A. Queste soluzioni ospitano anche i nuovi interruttori scatolati Tmax XT con taglia fino a 630A, collegati a moduli Ekip UP per la comunicazione dei parametri elettrici.

L’architettura dell’impianto è costituita da 6 unità digitali Ekip UP, che fanno da master, raccogliendo i dati dai 40 interruttori (client) presenti in ciascun quadro. Le unità plug-and-play diventano così gateway per il cloud e inviano le informazioni sullo stato degli apparecchi alla piattaforma di gestione energetica ABB Ability Electrical Distribution Control System (ECDS).

Ekip UP, dunque, monitora i dispositivi in campo verificando che le protezioni funzionino correttamente, garantendo una rapida diagnostica dei guasti. Ma i vantaggi non si fermano al controllo remoto: le funzionalità del modulo per la distribuzione elettrica smart permettono al cliente di valutare ulteriori azioni di ottimizzazione degli impianti.

La potenza del digital twin

Casar può dunque contare su un impianto “gemello” digitale, frutto della remotizzazione dei segnali e dell’integrazione con la piattaforma EDCS. Questo consente anche di tenere sotto controllo un elemento critico come il fattore di potenza.
Cosa significa in concreto? La disponibilità dei dati in tempo reale e la possibilità di ricevere allarmi evitano a Casar il pagamento di penali in bolletta relative a valori di fattore di potenza inferiori ai limiti consentiti dal distributore di energia elettrica. Artefice digitale di questa importante opzione è il widget “Fattore di potenza”, disponibile insieme ad altre funzionalità sulla piattaforma ECDS.

Qui, infatti, mutuando la user experience sui widget, ABB ha realizzato un sistema che permette all’utente di selezionare le informazioni più rilevanti per la sua attività. Inoltre, da questo pannello di controllo personalizzabile si possono avviare report di analisi pronti all’uso. Ecco come monitorare il nuovo sistema di distribuzione elettrica smart in poche mosse, su smartphone o tablet, per una digitalizzazione industriale davvero efficiente.

Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 446 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.