Volterio ricarica i veicoli elettrici con un robot

E se a occuparsi della ricarica dei veicoli elettrici fosse un robot? È l’idea di Volterio, che ha sviluppato un prototipo dagli indubbi vantaggi.

Robot ricarica veicoli elettrici Volterio

Al crescere del numero di auto elettriche circolanti nelle nostre città sale anche il numero di colonnine di ricarica. Utili, ma non sempre esteticamente accettabili a seconda del contesto.
Sebbene la ricarica induttiva sarebbe in gran parte nascosta alla vista, presenta alcuni svantaggi significativi. È qui che Volterio offre una alternativa che sfrutta un robot che si occupa in automatico della ricarica di veicoli elettrici predisposti.

Connessione automatica alla rete

Schema di funzionamento robot VolterioLa tecnologia di Volterio prevede una struttura poco appariscente collocata sul pavimento e alta solamente 6 cm. L’auto viene semplicemente parcheggiata su di esso per la ricarica. Successivamente un braccio robotico si estende telescopicamente.

Alla sua estremità si trova un connettore che punta verso il suo contropezzo nel sottoscocca dell’auto. In precedenza, entrambi i componenti si sono scambiati informazioni tramite comunicazione wireless criptata. Poiché il portacorrente conico rotondo non è un connettore nel senso tradizionale del termine, esso è in grado di stabilire un contatto completo anche se il veicolo non è parcheggiato in modo ottimale. Per la ricerca mirata del braccio viene utilizzato un sistema ad ultrasuoni: in totale, la procedura impiega meno di 15 secondi.

Installazione di Volterio

Rendering VolterioÈ sufficiente che il connettore si trovi in un campo di 50×50 cm; l’auto può persino essere parcheggiata di traverso. L’intera unità può anche essere completamente incorporata nel pavimento in caso venga ad esempio costruito un nuovo garage o un nuovo parcheggio.

La capacità di ricarica di un caricabatterie con connessione domestica è di 22 kW, il che significa che anche le batterie per auto più grandi possono essere caricate completamente in quattro o cinque ore. Tuttavia, questa tecnologia è progettata per gestire fino a 100 kW in corrente continua, riducendo i tempi di ricarica a circa un’ora.

Il prototipo ha dimostrato elevate performance in una serie di test approfonditi: diversi produttori di auto premium sono rimasti favorevolmente colpiti e sono già in procinto di organizzare la produzione in serie dei caricabatterie, mentre sono in fase di sviluppo anche soluzioni per camion elettrici.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1453 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.