Blackout e fotovoltaico: il backup

In caso di interruzione della corrente elettrica dalla rete come possiamo continuare a sfruttare la produzione dell’impianto fotovoltaico?

Fronius Impianto fotovoltaico con monitoraggio dei consumi

La crescente elettrificazione delle abitazioni abbinata anche all’aumento delle apparecchiature tecnologie (pompe di calore, domotica, sistemi di allarme, …) che necessitano di alimentazione continua, sta creando nuove richieste da parte dei clienti finali.

Se in un primo momento l’esigenza principale era quella di posticipare l’uso dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico durante le ore diurne immagazzinandola all’interno del sistema d’accumulo per poterne poi usufruire nelle ore serali, si sta facendo sempre più spazio la necessità di garantire continuità di alimentazione a tali utenze e servizi domestici.

Questa necessità ha incentivato nello sviluppo tecnologico dei sistemi di accumulo implementandoli con la funzionalità di backup e/o EPS (Emergency power system), cioè la capacità di riuscire ad alimentare tutti i carichi o almeno quelli privilegiati in caso di mancanza rete del distributore.

La normativa punta sul backup

In tal senso si è mosso anche il comitato tecnico CT 316 per porre i requisiti tecnici di tale funzione soprattutto in termini di sicurezza per gli operatori, in modo da evitare che i sistemi di accumulo alimentino la rete dove probabilmente si stanno svolgendo delle attività di manutenzione.

Al paragrafo 8.4.3 della CEI 0-21 si richiede che negli impianti di produzione destinati al servizio di riserva (emergenza) o di sicurezza, potendo il carico essere alimentato sia dalla rete pubblica, sia dall’impianto di produzione, si devono prevedere apparecchi di commutazione adeguatamente interbloccati per evitare il funzionamento in parallelo con la rete del Distributore.

Tra i vari produttori di sistemi vi sono due tecnologie applicative:

  • funzionalità di Backup;
  • funzionalità EPS.

Funzionalità di backup e/o Emergency power system (EPS)?

La differenza tra le due tecnologie sta nel servizio che riescono ad offrire.

Funzionalità di backup – questo servizio viene solitamente fornito sulla stessa porta utilizzata dall’inverter per il collegamento in parallelo con la rete, va pertanto previsto a monte dell’impianto elettrico del cliente un opportuno interblocco e una suddivisione dell’impianto in carichi privilegiati e carichi non privilegiati.

Funzionalità EPS solitamente l’inverter oltre alla classica uscita utilizzata per il collegamento in parallelo con la rete, dispone di un’uscita secondaria alimentata solo in caso di manca rete dove vengono collegati i carichi prioritari. In questo caso l’interblocco può essere realizzato internamente oppure esternamente all’inverter e la suddivisione dei carichi avviene a valle dell’inverter.

Entrambe le funzionalità per GEN24 Plus di Fronius

elettricomagazine ebook Percorsi Impianti Integrati - articolo Fronius backup
Leggi e scarica il magazine digitale Percorso Impianti Integrati con l’articolo approfondito sugli inverter ibridi con funzionalità di backup

Fronius sta producendo la propria seconda generazione di inverter ibridi GEN24 Plus che assicurano un migliore autoconsumo e la massima indipendenza energetica. Sui nuovi inverter è implementata oltre alla tecnologia Multiflow – che permette di gestire la carica della batterie sia dai moduli fotovoltaici, sia dalla rete alternata rendendo il prodotto ancora più flessibile nel campo di applicazione – anche le due funzionalità di emergenza.

La funzionalità chiamata Full backup – già prevista anche nelle precedente generazione di inverter ibridi -permette di avere un’alimentazione con potenza massima pari alla potenza nominale dell’inverter grazie all’ausilio di un quadro esterno nel quale sono integrate le opportune protezioni previste dalla normativa vigente.
Il miglioramento ha consentito di evitare l’uso di una protezione interfaccia dedicata sul quadro esterno, riducendo i costi e gli ingombri. Questa funzione ha una duplice valenza sia per le potenzialità, sia a livello economico.

In alternativa è prevista un’uscita secondaria chiamata PV point che viene attivata in caso di mancanza rete permettendo di alimentare dei carichi privilegiati monofase con una potenza massima pari a 3 kW. Queste prestazioni possono soddisfare buona parte delle richieste in caso di backout della rete elettrica grazie ad una presa e una protezione.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1557 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.