Cresce il mercato delle auto elettriche e ibride: la spinta si deve anche agli incentivi

Tanti i Comuni e le Regioni che hanno definito incentivi “integrativi” che vanno a sommarsi all’Ecobonus nazionale. Milano regina assoluta dei bonus a livello locale

Mercato delle auto elettriche e ibride

L’elettrificazione del mercato automobilistico compie ulteriori passi in avanti nel nostro paese. Nel mese di giugno 2020, da un lato si è riscontrato un calo generalizzato delle immatricolazioni di vetture con alimentazioni “tradizionali”, dall’altro un sensibile incremento delle vendite di auto elettriche e ibride, con una quota di mercato che è arrivata al 15%.

Secondo l’analisi condotta da AutoScout24 su base dati UNRAE, rispetto allo stesso mese del 2019 le vetture elettriche sono aumentate del +53,2% (2.228 unità) e le ibride del +84,4% (17.684 unità). Un segnale chiaro del fatto che qualcosa stia mutando e del fatto che, probabilmente, gli incentivi messi a disposizione per l’acquisto di un’auto ibrida ed elettrica, sia dal Governo con l’Ecobonus 2020 sia dalle Regioni e dai Comuni, inizino a fornire una spinta a questo segmento di mercato.

Incentivi auto 2020

Per supportare i consumatori nel complesso mondo degli incentivi nazionali, locali e regionali, il Centro Studi di AutoScout24 ha realizzato una guida a livello territoriale, fornendo alcuni esempi pratici.

Dalla guida emerge che grazie all’Ecobonus del Governo, rottamando un veicolo di classe Euro 4 o inferiore si possono acquistare auto ibride ed elettriche con uno sconto che arriva fino a 6.000 euro per vetture con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km e a 2.500 euro da 21 a 70 g/km. Senza rottamazione i valori calano rispettivamente a 4.000 euro e a 1.500 euro. Il prezzo di listino dell’auto deve tuttavia essere inferiore a 50.000 euro + iva.

Accanto agli incentivi nazionali, si collocano inoltre i bonus previsti da alcuni Comuni e Regioni, in particolar modo nell’Italia del Nord. In questi casi, in base alla località di residenza, è possibile per i consumatori ottenere ulteriori sconti per l’acquisto di vetture ibride ed elettriche che vanno a sommarsi all’Ecobonus offerto dal Governo nazionale.

Auto elettriche: il risparmio nei singoli territori

Scopriamo ora alcuni esempi concreti che riguardano le vetture elettriche. Se si sommano gli incentivi nazionali e locali, a Milano rottamando un veicolo a benzina in classe Euro 2 o inferiore e Diesel Euro 5 o inferiori, si può ottenere uno sconto fino a ben 15.600 euro, rispettivamente 9.600 euro del Comune e 6.000 dell’Ecobonus.

Nella Regione Lombardia, rottamando una vettura a benzina in classe Euro 2 o inferiori e Diesel Euro 5 o inferiori, lo sconto totale risulta di 14.000 euro. In Veneto, rottamando un veicolo a benzina in classe Euro 3 o inferiori, Diesel Euro 5 o inferiori, lo sconto è invece pari a 10.500 euro.

In Umbria, rottamando un veicolo a benzina o diesel in classe Euro 4 o inferiori, l’incentivo corrisponde a 4.000 euro per l’acquisto di una vettura elettrica nuova per chi abita a Terni e Narni. Una cifra che, anche in questo caso, si va a sommare, all’Ecobonus nazionale, per un totale di 10.000 euro.

Analizzando altri esempi, si scopre che anche il Piemonte e la Sardegna hanno fissato specifici incentivi, ma limitati alle sole piccole e medie imprese. In Piemonte rottamando un veicolo a benzina in classe Euro 1 o inferiore o diesel Euro 4 o inferiori, lo sconto spazia da 10.000 a 16.000 euro, a seconda della massa. In Sardegna si registra invece il bonus più alto, con 21.000 euro o il 75% del prezzo d’acquisto.

Ipotesi di incentivi applicati ai principali modelli di auto in commercio

Tesla Ma quanto costerebbero ai privati alcune tra le più diffuse automobili elettriche in commercio e quale sarebbe il risparmio reale? Considerando tutti gli incentivi, nazionali e locali, ed eventualmente la rottamazione richiesta, con l’Ecobonus gli sconti spaziano dal 15% al 26%, in base al modello di vettura.

Sotto la spinta degli incentivi locali, il risparmio maggiore potrebbe risultare per i cittadini milanesi, grazie a una riduzione per l’acquisto di un’auto elettrica che va dal -31% per la Tesla Model 3 a ben il -67% della Volkswagen e-up!.

Ecco alcuni esempi di incentivi applicati ai principali modelli di vetture commercializzate:

  • A fronte della disponibilità degli incentivi locali, la BMW i3 (prezzi da 40.600 euro), si potrà acquistare a 34.600 euro con l’Ecobonus (-14,8%), ma se si abita a Milano il prezzo cala a 25.000 euro (-38,4%), a 26.600 euro in Lombardia (-34,5%) e a 30.100 euro in Veneto (-25,9%);
  • Il SUV DS 3 Crossback E-Tense (prezzi da 39.600 euro), con l’Ecobonus scende a 33.600 euro (-15,2%), per toccare 24.000 a Milano euro (-39,4%), 25.600 euro in Lombardia (-35,4%) e 29.100 euro in Veneto (-26,5%);
  • La Nissan Leaf (prezzi da 35.300 euro), con l’Ecobonus costerebbe 29.300 euro (-17%), ma a Milano basterebbero 19.700 euro (-44,2%), 21.300 euro in Lombardia (-39,7%) e 24.800 euro in Veneto (-29,7%);
  • La Peugeot e-208 (prezzi da 33.600 euro) può essere acquistata con l’Ecobonus a 27.600 euro (-17,9%), a Milano a 18.000 euro (-46,4%), in Lombardia a 19.600 euro (-41,7%) e in Veneto a 23.100 euro (-31,3%);
  • La Renault Zoe presenta come prezzi 34.100 euro oppure 25.900 euro con batterie a noleggio. In quest’ultimo caso, con l’Ecobonus si scende a 19.900 euro (-23,2%), a Milano si arriva a 10.300 euro (60,2%), in Lombardia a 11.900 euro (-54,1%) e in Veneto a 15.400 euro (-40,5%).
  • La Tesla Model 3 parte da 50.480 euro ma, grazie all’Ecobonus, il suo prezzo scende a 44.480 euro (-11,9%). A Milano i consumatori la acquisterebbero a 34.880 euro (-30,9%), in Lombardia a 36.480 euro (-27,7%) e in Veneto a 39.980 euro (-20,8%).

L’offerta sul mercato offre anche la possibilità ai milanesi di poter acquistare una vettura restando al di sotto dei 10.000 euro. È il caso della Volkswagen e-up!, l’auto elettrica più economica sul mercato e della Smart Fortwo.

I vantaggi, le difficoltà e il futuro delle auto elettriche

“Efficienza del motore, zero emissioni locali e bassi costi di manutenzione sono tra i vantaggi dell’auto elettrica – ha commentato Sergio Lanfranchi del Centro Studi di AutoScout24”. Tuttavia, ha puntualizzato l’esperto, “i principali ostacoli sono rappresentati senza dubbio dal prezzo, ancora troppo lontano dal quello medio di un’auto di pari segmento ma con motore termico, dall’autonomia delle batterie e dalla mancanza di un’adeguata rete di ricarica. Ci troviamo quindi in una fase di transizione, che accompagnerà per molti anni l’industria dell’auto e che vedrà probabilmente un significativo aumento di domanda di auto elettriche solo in presenza di importanti incentivi e altrettanti investimenti in tecnologia e in infrastrutture.”

Evelyn Baleani
Informazioni su Evelyn Baleani 23 Articoli
Giornalista e Web Editor freelance. Si occupa di contenuti per i media dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni sono l'ambiente, il Web, la scrittura e la Spagna