Integrazione impiantistica totale: l’esempio del concessionario Bon-Ber

Soluzioni smart e ricarica per le auto elettriche: la nuova sede del concessionario Peugeot di Como premia la integrazione impiantistica completa delle tecnologie BTicino

Integrazione impiantistica, la scelta smart del concessionario Bon-Ber

Integrazione impiantistica per rilanciare il proprio business? La strategia di Onelio Bonotto, da oltre trent’anni titolare del concessionario Bon-Ber di Como, sembra chiara: ripartire dall’innovazione tecnologica per vincere le sfide di un settore dell’automobile sempre più incerto. “Difficile sapere quale sarà il reale impatto delle auto elettriche – racconta il titolare -, ma la nostra realtà mantiene un elevato trend di vendite, basato soprattutto sul rapporto di reciproca fiducia che ci lega agli abitanti e alle aziende del territorio. Ecco cosa ci ha spinto a investire in innovazione tecnologica per migliorare ulteriormente i servizi offerti”.

Bon-Ber vende oltre 700 veicoli all’anno e ha scelto di continuare a investire in innovazione tecnologica per garantire servizi adeguati a una clientela fidata

Dai quadri elettrici alle placche, dall’illuminazione ai termostati, fino alle colonnine di ricarica green, nello show-room comense inaugurato a luglio 2019 si respira grande aria di innovazione. Un progetto impiantistico completo e intelligente, controllabile da remoto, che coinvolge una struttura di tre piani da circa 1.000 metri quadrati ciascuno. Vediamone le principali caratteristiche smart, abilitate dal partner tecnologico BTicino.

Comandi, luce e comfort: integrazione impiantistica da gestire via app

Integrazione impiantistica con LivingNow di BTicinoViste le notevoli dimensioni dell’impianto elettrico, gli installatori dell’azienda Charger non hanno avuto dubbi sulle soluzioni da adottare. A cominciare dalla serie civile Living Now, dotata di design contemporaneo e funzionalità ideali per rappresentare il brand Peugeot. L’attenzione dei clienti resta ovviamente focalizzata sui veicoli, ma le placche contribuiscono a creare l’atmosfera giusta per accompagnare scelte e desideri di chi cerca l’auto dei propri sogni.

Dietro l’estetica innovativa degli interruttori, si cela un “cervello” che centralizza la gestione intelligente dell’impianto attraverso la domotica MyHome_Up di BTicino. “La piattaforma consente di pianificare l’accensione delle diverse zone, l’apertura delle finestre e la termoregolazione – spiega il titolare di Charger Stefano Castelli -. Oltre a definire le tempistiche di accensione e spegnimento dei compressori per l’aria utilizzata nella pulizia delle auto”. Non solo, la funzione automatica di geolocalizzazione del server e analisi meteo online definisce l’illuminazione notturna ed esterna, mentre negli spazi indoor la corretta programmazione di lighting e riscaldamento consente di evitare inutili sprechi.

I termostati permettono di regolare la temperatura degli uffici in base alle esigenze personali, con la massima attenzione al risparmio energetico

Le modalità di gestione sono molto semplici: è possibile variare il calendario anche via app, senza limitare forzatamente la permanenza delle persone nell’edificio. Sempre in ottica di efficienza energetica, le scale interne e i bagni ospitano sensori di movimento che garantiscono luce solo durante l’effettivo utilizzo.

Cuore elettrico negli armadi MAX

Il rispetto dei tempi e la necessità di focalizzarsi sulla sola installazione hanno suggerito l’acquisto di armadi elettrici MAX, direttamente cablati, montati e certificati da BTicino. Una scelta tecnologica, ma anche estetica: non è stato infatti necessario nascondere le soluzioni, corredate da componentistica tutta BTicino ed elegante porta in vetro. Al contrario, gli armadi fanno bella mostra di sé all’interno dello show-room, a pochi metri dai nuovi veicoli Peugeot.

A pochi passi troviamo anche l’armadio di permutazione, che protegge il cuore delle comunicazioni di Bon-Ber. Anche qui, l’intera componentistica è firmata BTicino. “Spesso si sottovaluta l’importanza dei componenti passivi di una rete di telecomunicazione – precisa Castelli -, non dimentichiamo che proprio questi ultimi possono generare problemi assolutamente intollerabili per un concessionario di automobili”. Infatti, ul volume di dati scambiati e la necessità di essere sempre connessi in rete impone la massima affidabilità come criterio di scelta dei componenti dell’impianto.

Integrazione impiantistica anche negli armadi di permutazione

Quando la funzionalità è tutto

Lasciando il piano terra per salire negli spazi non aperti al pubblico, l’estetica lascia spazio alla praticità. In quest’area, infatti, arrivano i nuovi veicoli da consegnare ai clienti. Qui Charger ha predisposto solo pochi punti di accensione e di termoregolazione gestiti attraverso la serie civile Matix, protetti dai contenitori stagni Idroboard.

I condotti a sbarre Zucchini coniugano rapidità installativa e flessibilità dell’impianto elettrico

Nello spazio in cui vengono preparate le automobili è fondamentale l’impianto di illuminazione. In questa fase, infatti, il personale di Bon-Ber deve verificare l’assenza di danni durante il trasporto. Per questo è stato creato un impianto di illuminazione ad elevata efficienza, con lampade installate direttamente sui condotti a sbarre a Zucchini. Per proteggere e distribuire al meglio i cavi, infine, Charger ha adottato le canalizzazioni in acciaio, metallo Gamma-P di Legrand.

Integrazione impiantistica rivolta alle auto elettriche

Ricarica auto elettriche con le soluzioni BTicinoRiprendendo l’iniziale considerazione sul futuro – commercialmente imprevedibile – della mobilità elettrica, la dirigenza del concessionario Bon-Ber ha deciso di essere pronta per ogni scenario. L’integrazione impiantistica della struttura si completa infatti di colonnine di ricarica per veicoli elettrici, posizionate sia all’interno dell’officina sia nel piazzale esterno. Si tratta di stazioni Green’Up di BTicino nelle versioni da parete e a piedistallo, entrambe caratterizzate da massima resistenza all’urto (e alle manovre maldestre), certificata IK 10. I kit di comunicazione consentono la gestione smart dei parametri anche da remoto, attraverso una semplice pagina web.

Ecco quindi un virtuoso esempio di integrazione impiantistica a 360 gradi, che valorizza ogni componente intelligente e sostenibile del futuro mondo full-electric.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 294 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.