Una concessionaria totalmente cablata con Panduit

La Concessionaria Nanni Nember di Desenzano del Garda (BS) è un vero Smart Building: l’infrastruttura tecnologica scelta, basata su soluzioni Panduit, assicura la massima connettività tra i sistemi.

Concessionaria Nanni Nember BMW MINI

La Concessionaria Nanni Nember Srl di Brescia, nata nel 1967, è un punto di riferimento sul territorio per i marchi BMW e MINI.

La sede di Brescia è stata recentemente affiancata dalla nuova Concessionaria Nanni Nember di Desenzano del Garda, dove su 7.000 mq i clienti possono trovare tutti i prodotti BMW e MINI, oltre a un’intera gamma di servizi di manutenzione, assistenza, servizi finanziari, assicurativi e noleggio.

La nuova concessionaria è stata realizzata utilizzando vetro, acciaio e cemento; per renderla tecnologicamente all’avanguardia, è stata dotata di infrastrutture di ricarica per vetture elettriche ed è in grado di generare energia pulita grazie all’apposito impianto fotovoltaico.

Per la realizzazione dell’infrastruttura di rete di questa nuova struttura, Nanni Nember ha scelto Olicom, società di integrazione con sede a Concesio (BS), che dal 1982 opera nel settore dell’ICT e dell’automazione industriale su tutto il territorio nazionale, partner certificato Panduit.

Requisiti stringenti, a prova di futuro

Infrastruttura Panduit concessionaria Nanni NemberBMW Group fornisce rigide indicazioni per la realizzazione di nuovi punti vendita, con specifiche dettagliate per progettazione e costruzione.

La nuova Concessionaria di Desenzano del Garda ha seguito le indicazioni del Green Building di BMW Group (Sistema di riferimento della sostenibilità nei progetti immobiliari) e i criteri HBES (Home & Building Electronic System) secondo le ultime norme vigenti. All’interno dell’edificio, i differenti sottosistemi sono stati integrati sulla base di standard consolidati. Ciò ha permesso di ottenere la massima efficienza, flessibilità e sostenibilità sia per la parte infrastrutturale, sia per quella funzionale.

La necessità fondamentale era la realizzazione di un sistema HBES/BACS che consentisse l’integrazione di tecnologie fra loro diverse (quali automazione di luci e oscuranti solari, climatizzazione, gestione dell’energia, sistemi di intrattenimento, videocitofonia su IP, allarmi e sicurezza), capaci di scambiarsi dati di tipo digitale e/o analogico. In altre parole, il sistema doveva essere aperto, interoperabile, flessibile e scalabile.

“Abbiamo voluto realizzare una gestione smart dell’edificio per migliorare il benessere psico-fisico delle persone che lo visiteranno e che ci lavoreranno. – spiega Ennio Barbieri, Marketing Manager della Concessionaria Nanni Nember – Avere condiviso l’approccio del cablaggio fisico unificato di Panduit ci ha garantito qualità e flessibilità, semplificando notevolmente monitoraggio e manutenzione. Abbiamo ritenuto importante realizzare la nuova sede dedicando particolare attenzione all’innovazione, alla tecnologia e alla sostenibilità, valori condivisi da sempre con BMW e, da oggi, anche con Panduit”.

Una infrastruttura di rete abilitante

Interno Concessionaria Nanni Nember

Al fine di garantire un’infrastruttura adeguata per abilitare il sistema HBES/BACS, il progetto ha dovuto integrare diversi sottosistemi: ICT, software on-premise e in Cloud, componenti IoT, collegamenti VPN con la sede di Brescia e la casa madre di Monaco di Baviera, fonia over IP, audio & video, illuminazione, climatizzazione, access control e security.

Panduit ha collaborato con il partner di integrazione Olicom fin dalle prime fasi del progetto, proponendo una architettura fisica unificata che potesse interconnettere componenti e protocolli, riducendo i rischi e garantendo massime prestazioni ed efficienza operativa.

L’infrastruttura di rete integrata permette l’uso intelligente delle risorse garantendo il collegamento efficiente di tutti i sistemi. L’intero impianto permette un minore consumo energetico e l’ottimizzazione dei costi di gestione e di manutenzione.

Il sistema Panduit

L’infrastruttura realizzata si basa su tecnologia Cat 6A UTP (10 Gbps), con più di 10.000 metri di cavo, connettività e patch cord Mini-Com, permutatori angolati e plug UTP terminabili in campo con inclinazione a 45°. L’identificazione dei componenti dell’impianto è stata realizzata con le stampanti portatili Panduit serie MP300.

A completamento dell’installazione, per assicurare la reale performance dei media trasmissivi ed evitare eccessivi serraggi, i cavi sono stati assicurati all’infrastruttura utilizzando fascette in velcro Panduit.

I vantaggi: flessibilità e scalabilità

Interno Concessionaria Nanni Nember

Utilizzando le soluzioni Panduit, la nuova filiale di Nanni Nember è oggi in grado non solo di affrontare le sfide tecnologiche attuali, ma anche di rispondere alle esigenze future. L’infrastruttura di rete integrata permette l’uso intelligente delle risorse garantendo il collegamento efficiente di tutti i sistemi. L’intero impianto permette un minore consumo energetico e l’ottimizzazione dei costi di gestione e di manutenzione.

“L’integrazione dei sistemi offre solide fondamenta per l’innovazione di ogni business. – conferma Giovanni Ciavarella, CEO di Olicom – L’obiettivo è guadagnare flessibilità e sicurezza nell’utilizzo delle informazioni. Alla base di un processo di trasformazione digitale serve, comunque e sempre, una infrastruttura sicura ed efficiente. Nella realizzazione di questo vero e proprio Smart Building abbiamo condiviso con la professionalità e la qualità di Panduit l’approccio del cablaggio infrastrutturale unificato che ci ha consentito un risultato proiettato nel futuro”.

Informazioni su Redazione 1272 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.