Sensori per la building automation e il rilevamento ambientale

Nuove soluzioni a sensore basate su tecnologia MEMS, adatte ad applicazioni di building automation, digital signage e sistemi di monitoraggio ambientale

Sensori per la building automation e il rilevamento ambientale Omron

Omron Electronics Components Europe propone le nuove soluzioni a sensore basate su tecnologia MEMS, adatte ad applicazioni di building automation, digital signage e sistemi di rilevamento ambientale.

Tra le novità la versione ultragrandangolare a 32×32 elementi, dei sensori termici MEMS D6Tche permette di raggiungere il campo di visione più ampio. Il nuovo D6T-32L-01A opera in un campo di rilevamento di 90 gradi quadrati e può includere un’ampia area, come ad esempio un’intera stanza, da un singolo punto.
Dal rilevamento di temperature anomale sulla linea di produzione negli impianti industriali al monitoraggio del cibo e di altre temperature all’interno di una cucina, il D6T può dare un sostanziale contributo in termini di sicurezza – identificando potenziali problematiche.

La seconda generazione di Omron Human Vision Components HVC-P2 offre una velocità di riconoscimento 10 volte superiore a quella del suo predecessore.
Questo modulo integrato include una fotocamera e una piattaforma di elaborazione immagini.

È dotato di dieci funzioni di rilevamento delle immagini per utilizzi in applicazioni di segnaletica digitale, di automazione di casa e ufficio e di sicurezza; includono rilevamento del corpo, riconoscimento facciale, rilevamento delle mani, stima dell’età, del genere e dello stato d’animo. I risultati possono essere visualizzati tramite un’interfaccia UART o USB.

Sensore per rilevamento ambientale

Tra le soluzioni per i progettisti, il sensore ambientale multifunzione 2JCE che permette di monitorare rapidamente sette parametri. Il sensore ambientale Omron è disponibile per la prima volta in formato USB, con dimensioni di soli 14.9 x 29.1 x 7.0 mm ed è in grado di monitorare:

  • temperatura,
  • umidità,
  • luce,
  • pressione barometrica,
  • rumore,
  • attività sismica,
  • qualità dell’aria (gas VOC).

Il sensore può accumulare dati per una durata di circa tre mesi (sulla base di una frequenza di una comunicazione ogni cinque minuti) e connettersi con più dispositivi, come nel caso degli smartphone, via Bluetooth 5.0.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1556 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.