Controllo totale del clima? Ci pensano i sistemi di zonificazione

Cambiare le regole del comfort abitativo con un controllo indipendente ed efficiente degli impianti termici: come funziona la zonificazione Airzone

Sistema di zonificazione Airzone per la termoregolazione

La termoregolazione degli smart building è molto più che accendere o spegnere il riscaldamento da un dispositivo mobile. Lo dimostra l’evoluzione connessa della zonificazione Airzone: climatizzazione su misura, risparmio energetico e bollette più leggere grazie a un unico sistema integrato.

Lo abbiamo approfondito insieme a Davide Truffo, Head of Training and Staff Development di Airzone Italia, in occasione di MCE Live + Digital 2021.

Regolazione intelligente per tutti

Il primo tema riguarda il benessere. Cosa si intende per comfort termo-igrometrico? “Sostanzialmente sentirsi bene in un ambiente – spiega Truffo -. Ovvero non sentire né troppo caldo, né troppo freddo, ma percepire come gradevole la permanenza. Questo è lo scopo dei sistemi Airzone: gestire ogni zona degli impianti canalizzati in modo completamente autonomo. Che si tratti di abitazioni, uffici, hotel, negozi o strutture sanitarie, infatti, la temperatura ambiente è spesso impostabile solo nelle stanze principali. Si sbilanciano così i livelli di comfort rispetto agli altri spazi, con relative conseguenze in termini di spreco energetico”.

E quando non abbiamo sistemi canalizzati? La termoregolazione Airzone si integra anche con i pavimenti radianti in caldo e freddo, gli impianti a radiatori (esistenti e nuovi) e tutti i tipi di split. Il tutto, mantenendo l’efficienza della suddivisione multizona.

Zonificazione Airzone: le tecnologie in campo

Il controllo del clima avviene secondo tre elementi principali:

  • termostati smart: installati in ogni stanza per la gestione indipendente della temperatura;
  • elementi di controllo: motorizzazioni dell’impianto ad aria, schede elettroniche per gestire le elettrovalvole del riscaldamento o le unità individuali come split o fancoil;
  • scheda elettronica centrale: analizza i dati provenienti dai singoli elementi, stabilisce le impostazioni operative e regola gli elementi di controllo.

Di seguito, alcuni protagonisti tecnologici di questa integrazione.

Nelle stanze basta un termostato

Questi dispositivi smart sono progettati per migliorare le esperienze degli utenti, con un design minimale in versione bianca o nera. Installatori e clienti possono scegliere tra le seguenti opzioni:

  • Lite: controllo basico dell’impianto tramite pulsanti capacitivi e LED di stato, con la possibilità di modificare la temperatura di +/- 3 gradi;
  • Think: schermo elettronico E-ink e pulsanti capacitivi per gestire le funzionalità e ottimizzare ulteriormente i consumi;
  • Blueface: interfaccia grafica a colori e touch che offre tutte le possibilità di controllo e configurazione dei sistemi.

Quanto contano le interfacce di comunicazione?

Sono l’elemento forse meno visibile, ma più importante della situazione. Grazie a queste tecnologie, infatti, Airzone riesce a comunicare con tutti i tipi di macchine e impianti e con i principali marchi del settore climatizzazione. Specifici algoritmi, inoltre, permettono un’ulteriore razionalizzazione dei consumi energetici.

Tutti i sistemi di zonificazione Airzone sono forniti con una porta ModBus. Ma si interfacciano anche con altri noti protocolli come BACnet, Konnex, LonWorks. L’azienda collabora anche direttamente con diversi provider di soluzioni per la gestione integrata di edifici (es. Wago e Lutron).

Zonificazione Airzone: gestione via appCome utilizzare Airzone? Potere al cloud

L’installazione si completa con il Webserver Airzone Cloud, per gestire tutti i sistemi connessi con l’app gratuita scaricabile da Apple Store e Google Play.

Il controllo a distanza riguarda:

  • temperatura: ogni dispositivo mobile diventa un termostato sempre a portata di mano;
  • programmazioni orarie: scegliere la configurazione di ogni singola stanza;
  • modo di funzionamento: selezionare caldo/freddo con un semplice click;
  • meteo: guardare le previsioni aiuta a ottenere il massimo risparmio energetico;
  • sicurezza: possibilità di consentire l’accesso ad alcune zone solo a determinati utenti;
  • aggiornamenti e diagnosi con il team del supporto tecnico.

Ma c’è di più: la soluzione è nativamente predisposta per il comando vocale tramite Amazon Alexa e Google Assistant.

5 sistemi per un controllo totale

Dal componente al sistema integrato, Airzone ha sviluppato diverse proposte da valutare in base al contesto applicativo.

Ecco le 5 soluzioni sul mercato:

  • Flexa 3.0: zonificazione degli impianti canalizzati compatibile con macchine a espansione diretta, installazioni idroniche con fancoil e riscaldamento radiante (quest’ultimo tramite apposita scheda elettronica);
  • EasyZone: soluzione plug & play ideale per installazioni residenziali con macchine a espansione diretta;
  • RadianT365 pavimento radiante e radiatori: controllo di sistemi a pavimento con caldaia/pompa di calore e a radiatore, con l’aggiunta di teste termostatiche senza fili per la gestione degli impianti a radiatore;
  • Acuazone: sviluppo distribuito pensato per le installazioni idroniche, che combina il controllo di fancoil canalizzati e installazioni radianti in caldo e freddo, con possibilità di estendere la gestione a tutta l’impiantistica secondaria;
  • Aidoo: nuova soluzione IoT per controllare in wireless le unità inverter/VRF.

La zonificazione Airzone porta Ecobonus

La panoramica si conclude con un doveroso cenno normativo. Tutti i sistemi Airzone sono certificati secondo la classe B della norma EN 15232 legata ai sistemi di automazione degli edifici.

Una conformità che dà accesso all’Ecobonus 65% per la riqualificazione energetica degli immobili, connessi appunto all’installazione e messa in opera di sistemi che permettano la gestione personalizzata e automatica degli impianti di riscaldamento, produzione d’acqua calda sanitaria o climatizzazione estiva. Quanto al Superbonus 110%, invece, la termoregolazione multizona “partecipa” all’incentivo in qualità di lavoro trainato.

Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 433 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.