Data Wizard o il potere dell’interconnessione in fabbrica

Pensare alla Transizione 4.0 con Data Wizard: una soluzione semplice e conveniente per interconnettere le macchine esistenti e digitalizzare ogni contesto industriale

Data Wizard: interconnessione macchine per Industria 4.0

Immaginiamo una fabbrica connessa, efficiente e sostenibile, realizzata senza stravolgere budget e processi produttivi. Un traguardo alla portata di tutti – piccole, medie e grandi imprese – con Data Wizard di Schneider Electric.

Di che si tratta? Anzitutto, di interconnettere macchine e le linee di produzione ai sistemi informativi aziendali. Poi, di raccogliere in tempo reale dati utili all’ottimizzazione dei processi produttivi. Infine, di valorizzare queste informazioni, trasformando una realtà industriale “tradizionale” in esempio concreto di Industria 4.0. Con i relativi vantaggi in termini di efficienza, sicurezza e competitività.

Perché digitalizzare con Data Wizard?

Tecnologie come IoT, Intelligenza Artificiale, cloud, big data e analytics stanno già producendo innovazione. Pur con diverse velocità, tante realtà industriali hanno messo in campo progetti di smart manufacturing con risultati tangibili. Altre, soprattutto le realtà medio-piccole che caratterizzano il vivace tessuto imprenditoriale italiano, devono ancora superare diffidenze e complessità.

Le aziende italiane cercano una traduzione concreta e accessibile della visione digitale dei processi industriali

Anche perché l’economia digitale “costa” più fatica quando si tratta di rendere intelligenti le tecnologie esistenti. Qui entra in gioco l’approccio “step-by-step” di Data Wizard, che come in tutte le soluzioni della piattaforma EcoStruxure, permette alle aziende di integrare attività in essere e nuovi progetti di Industria 4.0 in modo efficace e non invasivo.

Il valore dei dati

Una visione integrata della trasformazione digitale per fare la differenza nella crescita smart, oggi più importante che mai, dell’industria italiana. A fronte delle inefficienze che ancora ne ostacolano competitività e redditività, infatti, c’è il grande potenziale della fabbrica connessa. A cominciare, appunto, dall’interconnessione delle macchine, supportata anche dal Piano Nazionale Transizione 4.0.

L’industria oggi: 4 problemi da risolvere

Ma partiamo dai problemi. Le principali criticità dell’industria di oggi, spesso radicati anche nelle più moderne realtà produttive, sono:

  • raccolta e scambio dei dati produttivi in modo manuale/cartaceo;
  • assenza di analisi delle performance di produzione;
  • mancanza di informazioni precise su tempi e cause dei fermi macchina;
  • scarsa visione dello stato di avanzamento della produzione.

4 risposte dalla trasformazione digitale

Le tecnologie di Industrial IoT rispondono prontamente, con obiettivi concreti:

  • automazione della raccolta dati, dell’interfacciamento con i processi e dell’avanzamento di produzione;
  • monitoraggio dei KPI (Key Performance Indicator) degli impianti produttivi;
  • segnalazione in tempo reale degli eventi critici e tracciabilità di processo;
  • misurazione dei consumi e corretta allocazione dei costi.

Il risultato? Un controllo centralizzato della produzione che consente di efficientare i processi e abbassare i costi. Ma soprattutto di misurare le proprie performance, innescando strategie e decisioni consapevoli.

Tre modi di “fare” Data Wizard

La soluzione EcoStruxure, lo abbiamo detto, consente di interconnettere in modo rapido ed economico le macchine già in uso. Questo grazie alla capacità di intercettare segnali significativi all’interno dei quadri elettrici. Il tutto, secondo tre opzioni tecnologiche.

L’efficienza della versione Plus

Data Wizard Plus abilita l’interconnessione delle macchine e la condivisione dei dati con i sistemi informativi aziendali tramite protocolli standard.

In particolare, offre:

  • controllo centralizzato degli stati macchina;
  • stato avanzamento produzione in tempo reale;
  • verifica e analisi dei tempi di fermo macchina;
  • cause dei fermo macchina;
  • performance di produzione.

Prime per utilizzare meglio i dati

In aggiunta al modello Plus, Data Wizard Prime aumenta le opzioni di condivisione dei dati raccolti. Tra le sue funzionalità troviamo:

  • controllo centralizzato degli stati macchina;
  • stato avanzamento produzione in tempo reale;
  • verifica e analisi dei tempi di fermo macchina;
  • cause dei fermo macchina;
  • performance di produzione;
  • realtà aumentata;
  • dashboard KPI di produzione.

Data Wizard, soluzione EcoStruxure per la digitalizzazione industriale

Ultra: interconnessione completa

Data Wizard Ultra aggiunge alle precedenti soluzioni la capacità di raccogliere dati energetici e ambientali da sensori wireless ZigBee.

Ecco le principali caratteristiche:

  • controllo centralizzato degli stati macchina;
  • stato avanzamento produzione in tempo reale;
  • verifica e analisi dei tempi di fermo macchina;
  • cause dei fermo macchina;
  • performance di produzione;
  • realtà aumentata;
  • dashboard KPI di produzione;
  • rilevazione temperatura e umidità;
  • monitoraggio energetico.

Ne vale la pena?

Sì, perché avere sempre a disposizione i dati relativi a produzione, qualità e manutenzione limita i fermi macchina. Ma soprattutto aiuta a conoscerne le cause e a prevenirli. Non solo, lo scambio di informazioni della fabbrica connessa migliora la sostenibilità produttiva e ambientale, abbassando consumi energetici e costi complessivi.

La visione d’insieme delle attività aziendali con Data Wizard, insomma, genera produttività ed efficienza.

 

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 398 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.