Euroluce 2019: luminoso equilibrio tra design e smart lighting

Il bello non basta più: con la nuova edizione del Salone del Mobile, Euroluce 2019 trasformerà Milano nella capitale dell’illuminazione smart, sostenibile e human centric

euroluce

Come sarà la luce del futuro? Cosa vedremo in scena a Euroluce 2019? Salutiamo la tradizionale lampada e accantoniamo il pensiero delle grandi ma “singole” opere di design, per abbracciare la concretezza di un sistema di illuminazione integrato, IoT ready e attento al benessere psico-fisico delle persone.

Pur non dimenticando il fattore estetico dello smart lighting, il filo conduttore del 30° Salone Internazionale dell’Illuminazione, a FieraMilano dal 9 al 14 aprile, sarà basato sulla luce connessa, in tutte le sue forme e sempre più al servizio del progetto, in una visione architettonica e impiantistica integrata che punta a illuminare, sentire e vivere gli ambienti interni ed esterni.

Cosa significa smart lighting? Le 5 parole chiave di Euroluce 2019

Lo sviluppo tecnologico – legato soprattutto ai LED -, l’evoluzione dei sistemi di controllo e la miniaturizzazione delle sorgenti luminose, hanno aperto ai progettisti nuovi orizzonti sia nel design dei singoli apparecchi, sia per quanto riguarda la progettazione degli effetti luminosi.

I quattro padiglioni di Rho non saranno solo un luogo di business, ma anche un incubatore di stimoli e ispirazioni, che riscontriamo nelle 5 parole chiave di Euroluce 2019:

  • sperimentazione;
  • innovazione tecnologica;
  • sostenibilità;
  • human centric lighting;
  • ricerca estetica.

Se uno degli aspetti più indagati in ogni campo, oggi, è il “vivere quotidiano smart”, i visitatori di Euroluce troveranno in fiera tutta l’avanguardia tecnologica e le funzionalità integrate in ambito lighting, legate soprattutto a intelligenza adattiva, connettività wireless, sensoristica e sistemi di regolazione del colore e del calore della luce.

Casa connessa: tra luce ed efficienza energetica

La luce diventa “star” della casa connessa, declinata secondo soluzioni digitali e IoT ready, che sconfinano nella nuova proposta di sorgenti wireless, trasportabili sia all’interno sia all’esterno degli spazi abitativi, sempre nell’ottica della progressiva ibridazione degli ambienti e degli impianti domestici. Una sfida che Euroluce 2019 coniuga con la ricerca di efficienza energetica, sostenibilità e riduzione dei costi, attraverso la proposta di prodotti e sistemi di illuminazione che uniscono le soluzioni a LED/OLED di alta qualità ai controlli digitali.

Alla componente tecnologica smart, si unisce l’impegno nell’uso di materiali riciclabili e a basso impatto ambientale, in modo tale che sia la produzione sia lo smaltimento del prodotto non danneggino il pianeta.

L’appuntamento biennale con la luce mette al centro smart lighting e benessere dell’uomo

Qual è il fine ultimo dell’illuminazione?

Altro aspetto fondamentale, il vero destinatario dell’innovazione tecnologica: l’uomo. A Euroluce 2019 si parlerà infatti di Human Centric Lighting (HCL), noto principio illuminotecnico che prende spunto dall’effetto della luce su emotività, benessere, salute e capacità prestazionali delle persone per creare sistemi intelligenti e adattivi. Secondo recenti studi, infatti, la riproduzione di temperature della luce il più possibile fedeli al ritmo circadiano dell’uomo è la via da percorrere per garantire più comfort sia nel mondo residenziale sia negli spazi di lavoro.

Da qui, per la prima volta a Euroluce, la proposta di prodotti e soluzioni biologicamente efficaci, che seguono il ciclo solare modificando colore, calore e intensità per garantire un’illuminazione più salutare.

Dopo tanto parlare di tecnologia, biologia e smart lighting, non dimentichiamo il design, caratteristico aspetto dell’appuntamento milanese. Superati i limiti di uno stile univoco che possa imporsi come tendenza, il “bello” della luce accoglie suggestioni e stimoli differenti, coniando molteplici concetti di estetica. La seduzione del minimalismo sarà infatti controbilanciata, percorrendo l’area espositiva di Euroluce 2019, da oggetti luminosi dalla forte personalità e dal ritorno di uno stile più figurativo e decorativo. Materiali naturali e tecniche di ispirazione artigianale si alterneranno a composti supertecnologici – e connessi -, mentre le piccole dimensioni e la trasportabilità wireless si contenderanno la scena con vere e proprie opere luminose, dal sicuro effetto scenico.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 257 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.