Utility e transizione energetica, prove di accumulo in Calabria

Il sistema di accumulo da 822 kWh abbinato all’impianto fotovoltaico di Altomonte (CS) consente a Edison di testare nuove tecnologie per compensare la discontinuità delle rinnovabili

accumulo in Calabria

Rinnovabili vs rete elettrica, una sfida alla non programmabilità dell’energia “pulita” che le utility non possono e non vogliono perdere, guardando i trend globali della transizione energetica verso la generazione distribuita e alla diffusione dei sistemi di accumulo. Proprio dal potenziale innovativo dell’integrazione tra rinnovabili e batterie – la “European Association for Storage of Energy” parla di un +49% della capacità installata di storage elettrico in Europa tra 2016 e 2017 -, nasce l’iniziativa pilota promossa da Edison nel proprio impianto fotovoltaico da 3,3 MW di Altomonte, in provincia di Cosenza.

L’operatore energetico italiano ha infatti associato al sito rinnovabile calabrese un sistema di accumulo da 822 kWh targato Electro Power Systems, che agisce a supporto della produzione da fonte solare, compensandone la tipica variabilità e testando la capacità delle batterie di fornire efficaci e affidabili servizi di rete.

edison Utility e transizione energetica accumulo“Le fonti rinnovabili sono per loro natura non programmabili – commenta Giovanni Brianza EVP Strategy, Corporate Development & Innovation di Edison -. L’uso delle batterie permette di immagazzinare l’energia in eccesso prodotta, in questo caso dal sole, rendendola di nuovo disponibile quando ce n’è effettivamente bisogno. Fare innovazione è cruciale, soprattutto in questa fase di sviluppo del sistema energetico, e la sperimentazione di nuove modalità di gestione dell’energia è uno dei pilastri della nostra strategia”.

Indirizzo tradotto da Edison nel “matrimonio” tra fotovoltaico e accumulo di Altomonte, volto a colmare la distanza tra previsioni ed energia realmente prodotta, verso nuove possibilità di partecipazione al bilanciamento della rete elettrica, ancora non del tutto abilitato dall’attuale regolamentazione del Mercato dei Servizi di Dispacciamento.

Il carattere discontinuo della produzione di energia da fonti rinnovabili può essere compensato dai sistemi di accumulo

Il sistema di accumulo smart di Altomonte in pillole

Visto dall’esterno, il nuovo sistema di accumulo installato in Calabria passa quasi inosservato, in quanto racchiuso in un container di 12 metri di lunghezza e oltre 5,5 tonnellate di peso, composto da 108 moduli di batterie agli ioni di litio e potenza pari a 500 kW. Eppure, nell’innovativo polo di Altomonte si concentrano:

  • 90 minuti: il tempo necessario al sistema di accumulo per un ciclo di carica completo;
  • 4.300 Km: la quantità di energia immagazzinabile dal sistema e poi utilizzabile equivale a circa 650 kWh, che consentirebbero a un’auto elettrica di percorrere dai 3.200 ai 4.300 km;
  • 16 auto elettriche: ogni ciclo completo potrebbe ricaricare 16 auto elettriche (dotate di batteria da 40 kWh);
  • 65.000 smartphone: ogni ciclo completo potrebbe ricaricare circa 60.000 smartphone, considerando che un iPhone X ha capacità di circa 10 Wh o 0,01 kWh;
  • 13.000 power bank: per eguagliare l’energia immagazzinata a ogni ricarica occorrerebbe sommare dalle 6.500 alle 13.000 power bank, dato che le più performanti vanno dai 50 ai 100 Wh (0,05 – 0,1 kWh);
  • 7,5 anni: assegnando a una lampadina a LED una potenza media di 10W, ogni carica completa della batteria potrebbe mantenerla accesa per 65’000 ore, circa 7 anni e mezzo;
  • 80 abitazioni: ogni ciclo completo del sistema fornirebbe l’energia elettrica consumata in un giorno da oltre 80 abitazioni, secondo la famiglia-tipo italiana di circa 7,7 kWh giornalieri;
  • 80% energia: l’accumulo di Altomonte è stato dimensionato per garantire che l’80% di energia disponibile a inizio vita sia utilizzabile al termine del quinto anno di esercizio.

edison Utility e transizione energetica accumulo calabriaNotevoli cifre alle quali aggiungere il lato smart della gestione dell’impianto cosentino, controllato, sia localmente ad Altomonte sia dalla sede Edison di Milano, attraverso comandi di accumulo o erogazione, oppure abilitando il sistema affinché intervenga automaticamente per ridurre gli sbilanciamenti rispetto al programma di funzionamento del fotovoltaico.

Facendo tesoro di quanto raccolto sul campo, le prestazioni delle batterie vengono inoltre monitorate in tempo reale dai laboratori di Ricerca, Sviluppo e Innovazione di Edison, per ottimizzare i processi di funzionamento e testare le performance dell’energy storage in vista di futuri investimenti rinnovabili.

Ogni ciclo completo dello storage calabrese potrebbe ricaricare 16 auto elettriche

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 254 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.