Climatizzazione: il nuovo refrigerante R32 ecologico

Refrigeranti con basse emissioni di CO2, prestazioni di efficienza elevate, sostenibilità, minor potenziale di riscaldamento globale: il gas refrigerante R32 si candida come protagonista nel settore del comfort

gas refrigerante R32 ecologico

La salvaguardia dell’ambiente è un argomento importante anche quando si parla di climatizzazione, infatti l’Unione Europea impone limitazioni sulle tipologie e sulle quantità di gas refrigeranti da utilizzare stimolando la ricerca di refrigeranti ecologici con basse emissioni di CO2 e prestazioni di efficienza elevate. Tra i refrigeranti spicca il gas refrigerante R32 destinato a sostituire l’R410A, il refrigerante più utilizzato nei sistemi HVAC.

Il gas refrigerante è la componente che permette di generare aria fresca o calda a seconda delle esigenze e negli anni è cambiato per rispondere a esigenze ambientali e di sostenibilità.

Già negli anni Ottanta il Protocollo di Montreal aveva compiuto un primo passo verso l’utilizzo di refrigeranti più rispettosi dell’ambiente, considerati i responsabili del fenomeno del buco dell’ozono.

La ricerca nel settore mira a coniugare efficienza, sicurezza, affidabilità, costi e sostenibilità che si misura con 3 parametri:

  • ODP (Ozone Depletion Potential) – potenziale di impoverimento dello strato di ozono;
  • GWP (Global Warming Potential) – potenziale di riscaldamento globale nel caso si verifichi una fuoriuscita di gas;
  • TEWI (Total Equivalent Warming Impact) – impatto sul riscaldamento globale che include sia l’eventuale perdita di refrigerante sia il consumo energetico durante il funzionamento dell’impianto.

Cosa dice la legge

Il 20 maggio 2014 il regolamento 517/2014 sugli F-Gas (gas fluorurati a effetto serra) ha stabilito un tetto alla quantità di questi refrigeranti immessa sul mercato e una graduale riduzione degli stessi, indicando che, entro il 2030, il consumo di HFC (IdroFluoroCarburi) dovrà ridursi del 79% rispetto ai valori del 2010.

Il Regolamento prevede una riduzione progressiva favorendo l’innovazione e garantendo un passo avanti verso refrigeranti con un minor potenziale di riscaldamento globale, senza però tralasciare l’efficienza operativa e la qualità del refrigerante stesso e dei prodotti.

A partire dal 2025, l’obbligo assoluto per tutti gli impianti, inclusi quelli domestici, di utilizzare esclusivamente l’R32 al posto del gas refrigerante R410A.

Le caratteristiche del gas refrigerante R32

gas refrigerante R32 ecologicoL’R32 , in questi ultimi anni, è diventato il gas refrigerante per eccellenza per i sistemi di climatizzazione, ha un impatto ambientale ridotto grazie a un valore di ODP pari a 0 e un GWP pari a 675, un valore tre volte inferiore a quello di R410A.

L’elevata efficienza energetica è testimoniata dal fatto che è sufficiente utilizzare una quantità di R32 inferiore circa del 15% rispetto a quella di R410A. Inoltre, poiché R32 è un gas puro, a differenza di R410A che è una miscela di R32 e R125.

Il refrigerante R32 è leggermente infiammabile, classe 2L secondo lo standard ISO 817. La sicurezza della corretta applicazione è garantita anche nel caso di perdita accidentale dal livello di concentrazione che si deve mantenere inferiore al limite di infiammabilità: è necessario seguire le istruzioni del produttore e le norme di sicurezza, esattamente come per tutti gli altri refrigeranti.

Differenze gas refrigerante R32  e R410a

  • Tre volte meno dannoso per l’ambiente, perché ha un indice GWP molto più basso (675 contro 2088)
  • Minore quantità di refrigerante rispetto alle unità con R410A
  • Maggiore efficienza energetica rispetto a R410A

Installazione di climatizzatori con refrigerante ecologico

L’installazione e manutenzione di un condizionatore inverter con gas refrigerante R32 è identica a quella di una macchina che utilizza R410A: i collegamenti sono gli stessi e l’installazione è facile e veloce.

Anche le operazioni di manutenzione sono identiche, mentre la ricarica del gas refrigerante R32 è ancora più facile poiché è un gas puro e non una miscela.
È fondamentale sottolineare che gli interventi devono essere eseguiti da un professionista munito di patentino F-Gas.


Articolo aggiornato

Informazioni su Alessia Varalda 1705 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.