Smart City nel mondo: 6 esempi innovativi a cui ispirarsi

Connesse, sostenibili e a misura d'uomo grazie all’uso delle più innovative tecnologie del momento. Ecco quali sono 6 città Smart nel mondo da cui prendere esempio

Smart City nel mondo: 6 esempi innovativi a cui ispirarsi

Si stima che ogni giorno almeno 180 mila persone in tutto il mondo si trasferiscano in città. Partendo da questo presupposto e tenendo in considerazione l’incremento massiccio della popolazione mondiale previsto entro il 2050, quando il Pianeta sarà con ogni probabilità abitato da circa 9,7 miliardi di persone contro gli attuali 7,7 miliardi, risulta ancor più chiaro il ruolo chiave che andranno a svolgere le Smart City. Non solo per una migliore vivibilità dei cittadini ma anche rispetto al tema della sostenibilità. Una delle sfide cruciali alla base delle città intelligenti è infatti quella di sfruttare la transizione digitale per offrire una risposta concreta alle grandi sfide globali: dall’aumento demografico all’efficienza energetica, passando per la scarsità delle risorse fino all’abbattimento dei gas serra in atmosfera.

Ma a oggi quali sono le città del mondo che possono essere definite più Smart? Scopriamo sei esempi tra quelle che occupano i primi posti nel podio dell’intero Pianeta.

I punti chiave che rendono una città “intelligente”

Quali sono le caratteristiche che deve possedere una città per essere considerata realmente Smart? Rendere una città “intelligente” è un percorso strategico che dura anni e si basa su step progressivi. Esistono tuttavia degli elementi chiave che fungono da veri punti di svolta. Tra i principali rientrano:

  • la presenza di edifici automatizzati e a basso impatto ambientale;
  • una gestione intelligente delle aree verdi;
  • una pianificazione urbana efficiente;
  • una mobilità e un trasporto pubblico locale basati sulla sostenibilità;
  • una gestione intelligente dei rifiuti;
  • la presenza di energie rinnovabili e pulite;
  • l’applicazione delle tecnologie all’educazione e alla salute;
  • la trasparenza dell’Amministrazione verso i propri cittadini;
  • l’impegno condiviso da parte dell’intera collettività.

Ma allo stato attuale quali sono le città che possono essere definite più Smart? Scopriamo insieme sei tra i migliori esempi di Smart City nel mondo.

Smart City nel mondo: esempi di efficienza e innovazione

Come accade con altre classifiche anche nel caso delle migliori Smart City nel mondo, stilare un elenco puntuale non è un compito facile, considerato che le cose cambiano di anno in anno. Alcune città si collocano comunque in maniera costante nelle prime posizioni. È il caso di Londra, che nel 2020 si è per l’appunto guadagnata il primo posto nella Top 50 Smart City Governments, la classifica delle prime 50 Smart City elaborata dall’Eden Strategy Institute, società di consulenza specializzata nello studio delle città del futuro. Ma generalmente nella classifica delle città più intelligenti nel mondo si piazzano tra le prime posizioni anche metropoli quali New York, Singapore, Amsterdam, Boston e la spagnola Barcellona. Vediamo perché.

Londra

La capitale inglese dispone del London Office of Technology and Innovation, un Ufficio appositamente destinato agli sviluppi tecnologici operante per far sì che Londra diventi una città sempre più Smart. L’Ufficio realizza numerosi progetti a sostegno della ricerca e della tecnologia a ogni livello, collaborando tra l’altro con Tech.London, iniziativa che si rivolge a imprenditori e startup.

Londra può inoltre usufruire della Smart London Board che fornisce regolarmente aggiornamenti e suggerimenti per rendere la città più intelligente.

Per raggiungere i propri obiettivi, la capitale inglese ha un piano dedicato alla città intelligente che include strategie per l’implementazione della tecnologia nei diversi ambiti urbani. A oggi, Londra sta lavorando su questioni primarie come l’assistenza sanitaria, la gestione dei Big Data, i trasporti, la connettività, la Cybersecurity e la gestione energetica.

New York

Con iniziative che abbracciano tanto il settore pubblico quanto quello privato, la città sta conoscendo una vera trasformazione digitale con il fine di migliorare la vita a tutti i cittadini. Tra gli obiettivi centrali rientrano quello della sicurezza e del risparmio dei costi.

Smart City nel mondo

Singapore

Da sempre Singapore ha la fama di essere un passo avanti quando si tratta di tecnologia. Non bisogna quindi sorprendersi del fatto che rientri tra le città più intelligenti del mondo. Il suo programma Smart Nation è stato avviato già nel 2014, prevedendo l’installazione di una vera mole di sensori in tutta la città. I dispositivi acquisiscono una enorme quantità di informazioni sulla vivibilità locale, anche in base alle abitudini dei cittadini.

Sono infatti capaci di misurare e di monitorare aspetti essenziali, a partire dal grado di pulizia di un’area fino al numero di persone che partecipano a un evento. In questo modo il Governo può sapere in tempo reale cosa sta accadendo in città.

Amsterdam

La capitale dei Paesi Bassi è senza ombra di dubbio una delle città più intelligenti d’Europa, grazie anche all’Amsterdam Smart City (ASC), una partnership pubblico-privata che si occupa di argomenti primari quali la città digitale, il risparmio energetico, la mobilità, l’economia circolare, la vivibilità e i servizi ai cittadini. I progetti in corso sono numerosi e riguardano ambiti strategici.

Tra gli obiettivi cruciali che si è posta Amsterdam, c’è quello di dimezzare l’utilizzo di nuove materie prime entro il 2030 e di evitare sprechi. La città sta nel contempo lavorando alla transizione energetica e alla ottimizzazione dei propri spazi verdi, in modo da ridurre le emissioni di anidride carbonica del 55% entro il 2030 e del 75% entro il 2040, rispetto ai livelli del 1990.

Boston

A livello mondiale, Boston è stata una delle prime città ad aprirsi all’obiettivo di diventare Smart. Il suo Innovation District ha finora promosso oltre 200 startup tecnologiche.

Al centro delle politiche locali basate sulla innovazione si pone il cittadino che ha l’opportunità di interagire con l’Amministrazione mediante una serie di applicazioni dedicate ai più svariati aspetti della vivibilità. Il cittadino può in questo modo segnalare ogni eventuale problematica in corso.

Barcellona

Barcellona lavora su una moltitudine di iniziative che la collocano costantemente ai primi posti delle classifiche delle Smart City nel mondo. Un progetto importante su cui la metropoli catalana ha focalizzato attenzione ed energie è ad esempio la copertura Wi-Fi cittadina del tutto gratuita. Oggi è possibile accedere al Wi-Fi gratuito praticamente in ogni angolo della città.

L’Amministrazione locale ha inoltre lavorato su una serie di App per tenere i cittadini informati sui vari aspetti della città.

Barcellona fa anche buon uso della tecnologia Internet of Things, sfruttando i sensori per ridurre i costi energetici e per accrescere la sicurezza stradale. Attualmente, nella città spagnola sono disseminati sensori LED che monitorano il traffico, la qualità dell’aria, l’inquinamento acustico e l’attività pedonale. Nei diversi quartieri ci si può inoltre imbattere in bidoni intelligenti dotati di aspiratori che scaricano i rifiuti in depositi sotterranei. Una simile innovazione si pone svariati obiettivi: ridurre al minimo i cattivi odori, diminuire gli spostamenti dei mezzi destinati alla raccolta della spazzatura e monitorare costantemente il quantitativo dei rifiuti in città.

Informazioni su Evelyn Baleani 68 Articoli
Giornalista e Web Editor freelance. Si occupa di contenuti per i media dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni sono l'ambiente, il Web, la scrittura e la Spagna