Abbigliamento protettivo, una scelta vincente

I presupposti affinché l'abbigliamento protettivo venga accettato più volentieri dal personale passano anche da comodità ed estetica.

Abbigliamento protettivo coordinato Mewa

Indossare abbigliamento adatto per ogni occasione è sempre una buona idea. Talvolta, nel mondo del lavoro è anche un obbligo.
Pensiamo all’abbigliamento protettivo o a quello realizzato appositamente per resistere a un impiego intensivo: sul proprio posto di lavoro – cantiere, officina, stabilimento ecc. – rappresenta un modo per lavorare in sicurezza e con il giusto comfort.

E allora perché non tutti indossano l’abbigliamento giusto? Si sono posti questa domanda in Mewa, che da anni ormai sviluppa e produce abbigliamento tecnico e protettivo per i professionisti.

Abbigliamento protettivo: da obbligo a scelta

Abbigliamento da lavoro Mewa

Nella pratica professionale, l’abbigliamento protettivo spesso non viene utilizzato in modo coerente dai dipendenti. I datori di lavoro e il personale dirigente possono contribuire a farlo accettare in azienda.

Se gli indumenti protettivi a disposizione non vengono utilizzati dai collaboratori, infatti, talvolta dipende dalla mancanza di tempo e di consapevolezza del pericolo, ma anche dal fatto che non sono confortevoli da indossare. Un po’ influisce anche la psicologia: se i colleghi del team trovano l’abbigliamento protettivo poco pratico o esteticamente bello da vedere, anche il dipendente più dotato di senso di responsabilità non lo indosserà volentieri.

Semplificare le attività degli utenti

Abbigliamento Mewa linea DynamicTutti gli indumenti protettivi devono essere certificati secondo le norme vigenti. Tuttavia esistono a volte notevoli differenze in termini di comfort e design.

L’uso di moderni tessuti high-tech, così come i tagli ergonomici e il modo diverso di realizzare i capi, hanno migliorato notevolmente la vestibilità degli indumenti protettivi. L’abbigliamento protettivo può inoltre essere adattato all’immagine dell’azienda.

Questa tipologia di abbigliamento protettivo è molto più gradita dai dipendenti. Inoltre, è stato dimostrato che il personale gradisce di più gli indumenti protettivi se viene coinvolto nel processo di selezione.

Indossare indumenti protettivi è obbligatorio se lo prevede la valutazione dei rischi. Tuttavia, nella pratica quotidiana non è sempre possibile controllare che tutti lo utilizzino correttamente. Per poter garantire comportamenti orientati alla sicurezza, occorre agire sulla motivazione.

L’uso di indumenti protettivi dovrebbe far parte della cultura della sicurezza dell’azienda. I preposti e i dirigenti possono così avere un grande impatto quali credibili esempi.

Informazioni su Alessia Varalda 1755 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.