Sviluppo sostenibile e parità di genere: la sfida continua

Dopo i riconoscimenti ottenuti da Corporate Knights, Bloomberg GEI e altre classifiche globali, Schneider Electric rilancia nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile al 2025

Sviluppo sostenibile e pari opportunità: Schneider lancia nuove sfide

Crescita aziendale è sviluppo sostenibile, in un percorso green inclusivo che integra modelli di business, impatto ambientale e impegno sociale. Schneider Electric accoglie il nuovo anno implementando un ambizioso programma di Sustainability Impact (SSI) per il periodo 2021-2025. Una strategia a lungo termine che rafforza e accelera gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU e punta a supportare anche clienti e partner in questo doveroso passaggio.

Nuovo SSI: i 6 obiettivi dello sviluppo sostenibile

“Essere un’azienda sostenibile, con un business sostenibile, è il perno della nostra strategia – commenta il presidente e Ceo di Schneider Electric Jean-Pascal Tricoire -. Con il primo “barometro di sostenibilità”, nel 2005, siamo stati pionieri di un approccio attento a questi temi, stabilendo via via obiettivi sempre più stringenti. Gli impegni annunciati oggi definiscono l’evoluzione del nostro percorso”.

Quali sono, dunque, i nuovi obiettivi? La global company lancia 6 principali sfide:

  • implementare approcci climate-positive;
  • utilizzare le risorse in modo efficiente;
  • rispettare i principi di fiducia;
  • creare condizioni di pari opportunità;
  • supportare le nuove generazioni;
  • fornire strumenti di crescita alle comunità locali.

Questi macro-temi si declinano poi in 11 obiettivi concreti, da raggiungere entro il 2025. Il tutto, con una importante novità metodologica. Ognuno degli oltre 100 paesi in cui Schneider Electric opera agirà secondo impegni specifici, per rispondere “dal basso” alle esigenze dei diversi contesti locali.

Sviluppo sostenibile: 11 obiettivi per il periodo 2021-2025

Il business etico premia

Gli ultimi traguardi di sostenibilità, uguaglianza e inclusione sociale raggiunti da Schneider Electric mostrano che la strada è quella giusta. Nel giro di un anno, infatti, l’azienda ha scalato l’indice annuale delle “Global 100 most sustainable corporations in the world” di Corporate Knights. Un significativo balzo in vetta alla classifica, dal 29° posto della precedente edizione, che riconosce gli anni di impegno nella governance ambientale e sociale.

Schneider Electric è il gruppo più sostenibile al mondo secondo la classifica Corporate Knights 2021 Global 100

Nell’ultimo anno, poi, Schneider Electric ha accelerato la roadmap di decarbonizzazione, ha firmato il Climate Pledge per la carbon neutrality ed è stata la prima azienda a emettere un bond convertibile ESG. Questo dinamismo green è valso anche l’inserimento, per il decimo anno consecutivo, nella CDP-A List per le azioni in campo ambientale e l’ingresso nella Top 50 Diversity Leaders ranking del Financial Times.

Passi avanti nella parità di genere

Insieme alla sostenibilità ambientale, per Schneider contano uguaglianza e pari opportunità. Anche qui, l’impegno globale ha fruttato la menzione, per il quarto anno consecutivo, nel 2021 Bloomberg Gender-Equality Index (GEI). La lista include 380 realtà imprenditoriali che favoriscono la parità di genere e la presenza femminile nel mondo del lavoro. Tra le attività più performanti, in Schneider, quelle legate a trasparenza, parità salariale e cultura inclusiva.

L’azienda ha tradotto questo impegno in tre filoni con concreti:

  • promuovere la parità di genere come azienda “UN Women HeForShe IMPACT 10x10x10 Champion” e attraverso l’impegno del Ceo e dei presidenti locali per sostenere tali principi;
  • policy globali per l’empowerment delle figure femminili: “Global Family Leave Policy” per i congedi familiari,Global Pay Equity Framework” per la parità salariale e “Flexibility at Work Policy” per una cultura lavorativa più flessibile e inclusiva;
  • formazione delle donne con il programma “Access to Energy Training & Entrepreneurship”.

“Abbiamo fatto progressi con la presenza femminile nel board di direzione e nel comitato esecutivo – conclude il Ceo Tricoire -. Ma l’obiettivo è che entro il 2025 le donne rappresentino il 50% delle nuove assunzioni, il 40% dei manager di prima linea e il 30% della leadership senior. L’equilibrio di genere è parte integrante del nostro modo di fare business e ne stiamo facendo una priorità”.

Bloomberg GEI offre a manager e investitori informazioni utili a confrontare le politiche per la parità di genere delle più grandi aziende del mondo

Ecco perché Schneider Electric ha aderito alla Gender and Diversity KPI Alliance (GDKA). Un gruppo di aziende, associazioni e istituzioni che supporta l’adozione di indicatori di performance per misurare la parità di genere e il rispetto delle diversità nella propria attività.

Informazioni su Redazione 1152 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.