Digitalizzare l’industria del caffè: perché conviene e come farlo

Integrare i processi più critici di stoccaggio e tostatura nella fabbrica connessa: la trasformazione digitale con EcoStruxure porta sostenibilità, efficienza e competitività all’industria del caffè italiana

Industria del caffè: perché digitalizzare conviene

Cosa c’è dietro un espresso? Per noi italiani si tratta di un’istituzione, che accompagna ogni momento della giornata, al bar, da soli o in compagnia. Ma l’industria del caffè in Italia è molto di più: oltre 1.000 aziende impegnate nella torrefazione, con circa 7.000 addetti e un fatturato di 4 miliardi di euro.

I dati del Comitato Italiano del Caffè e di IRI fotografano un settore economico e produttivo importante, chiamato a sperimentare le opportunità della trasformazione digitale nell’industria.

L’industria del caffè si fa sostenibile, connessa e tracciabile

La prima sfida della lavorazione del caffè verde (importato e poi trasformato) si chiama sostenibilità. Qui la valenza è multipla: si parte dall’approvvigionamento dei chicchi, per arrivare allo smaltimento delle capsule, passando per la ricerca di packaging più sostenibili.

Sul fronte operativo, poi, è fondamentale controllare tutti i parametri e le fasi della produzione per calibrare la giusta dose di caffè per ogni sistema (cialde, capsule, macinato o in grani). Tostatura, macinatura e granulometria dipendono infatti dalle partite di caffè: un prodotto naturale, soggetto a modifiche nel tempo che possono alterarne la resa. Alle esigenze di tracciabilità e monitoraggio si uniscono quelle produttive. La tostatura è certamente il momento più critico: solo tramite un adeguato processo di arrostimento il caffè crudo regala gli aromi che siamo abituati a gustare.

Espresso 4.0: i vantaggi della digitalizzazione

La risposta a queste sfide è nella digitalizzazione dell’industria del caffè in tutte le sue fasi. Stoccaggio, tostatura, macinazione e confezionamento trovano nell’interconnessione di macchine, processi e sistemi IT tutto quello che serve per competere sul mercato.

Tecnologicamente parlando, la piattaforma EcoStruxure di Schneider Electric accompagna il percorso smart dell’industria alimentare con un’architettura integrata di prodotti, soluzioni e servizi modulabili sulle esigenze di ogni contesto. Vediamone i principali vantaggi per le aziende.

Ecostruxure per digitalizzare l'industria del caffè in Italia

Stoccaggio delle materie prime

Implementare la gestione dello stoccaggio dei lotti di caffè significa identificare le partite in base al tempo di giacenza e mandare in lavorazione quelle meno recenti. Inoltre, è importante controllare le condizioni climatiche dell’ambiente che ospita la materia prima. Un sistema di monitoraggio semplifica la visualizzazione dei principali parametri (temperatura, umidità, ecc.) e consente di intervenire rapidamente in caso di anomalie.

I servizi digitali e i software supportano dunque i responsabili della logistica nella semplificazione della manutenzione periodica, nella gestione di sistemi e spazi e nell’ottimizzare i consumi energetici.

Digitalizzare la produzione

Le tecnologie permettono di interconnettere le macchine di produzione in modo semplice, offrendo controllo centralizzato degli stati, verifica e analisi dei tempi di fermo macchina e delle performance. I KPI vengono misurati direttamente dai sistemi in campo, interconnessi alla rete aziendale e al sistema informativo di fabbrica. In questo modo si ottiene una produzione più efficiente e sostenibile, riducendo i fermi, l’impatto ambientale e i costi operativi.

Tracciatura di tutte le attività

La registrazione e il reporting dei dati aiutano a tenere sotto controllo i parametri di sicurezza e di efficienza. Passare da un sistema manuale su carta alla registrazione digitale, poi, fa risparmiare tempo e denaro garantendo al contempo la conformità alla normativa vigente.

Le funzionalità dei dispositivi smart permettono anche agli operatori di registrare i singoli lotti con un pulsante “start-and-stop” a schermo o uno scanner di codici a barre. I dati vengono poi facilmente letti e valutati su pc. Anche qui, l’assenza di trascrizioni manuali riduce il rischio di errori.

Gestione del packaging

Nell’industria del caffè, il confezionamento porta con sé il problema dell’aroma, da preservare e garantire nel tempo. Dalla capsula in alluminio a quella in plastica, fino alla confezione a “soffietto” per grani o polvere, i formati sono molteplici. Le torrefazioni, che spesso lavorano per conto terzi, devono poterli cambiare rapidamente.

Alla modifica, spesso, corrisponde anche un cambio di ricetta: un processo digitalizzato porta vantaggi in termini di sicurezza del prodotto e riduzione di errori umani. In quest’ottica, i software SCADA sono un valido supporto per ottimizzare le fasi produttive e l’OEE (indice di performance) delle macchine.

Cosa fa Ecostruxure per l’industria del caffè

Visto così, il percorso può sembrare complesso. Ma la proposta EcoStruxure racchiude tutti i vantaggi e le funzionalità della fabbrica connessa.

Un unico interlocutore, diverse soluzioni concrete per:

  • monitorare il clima dei magazzini dove vengono stoccati i chicchi di caffè;
  • controllare costantemente il processo di tostatura;
  • identificare le partite di caffè in base al tempo di giacenza;
  • gestire le miscele (precisione della grammatura) e le ricette;
  • fare manutenzione con realtà aumentata e teleassistenza;
  • ottimizzare le tempistiche di produzione.

Ecco perché Schneider Electric si conferma un partner affidabile anche nella digitalizzazione dell’industria del caffè.

Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 467 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.