Sistemi antintrusione più intelligenti e connessi

Centrali sofisticate, intelligenza artificiale e integrazione con gli smart building: così i nuovi sistemi antintrusione cambiano il volto della sicurezza

Sicurezza 2021: rassegna prodotti antintrusione

Parlare di come la sicurezza sposi l’integrazione impiantistica degli edifici può sembrare ormai scontato, capire come i sistemi antintrusione smart possano diventare ancora più affidabili e precisi lo è un po’ meno. Perché tra le parole chiave del settore, oggi, ci deve essere anche l’aggettivo “globale”.

Una visione completa degli impianti di sicurezza, in grado di proteggere case, aziende e infrastrutture da molteplici rischi. Furto, incendio, atti vandalici, controllo accessi, domotica… le aziende corrono oggi verso proposte più complete e integrate. Le abbiamo toccate con mano a Sicurezza e Smart Building Expo 2021.

Le 7 funzioni della centrale Sunsecurity

Partiamo da Sunsecurity, la centrale antintrusione di Sunell che diventa il cuore di 7 funzioni integrate. Un unico e affidabile interlocutore per gestire:

  • videoverifica;
  • analisi video;
  • lettura targhe auto;
  • allarmi termici;
  • termoscanner;
  • controllo accessi;
  • home e building automation.
SunSecurity è un sistema di sicurezza e Smart Home
Il sistema SunSecurity di Sunell

Alla base di tutto ciò, una linea di centrali 8-40 filo + 48 radio, 8-80 filo + 8 radio, 0-246 filo + 64 radio e 0-64 filo + 250 radio con possibilità di connessione Lan, Gsm e Wi-Fi. Qui, è possibile integrare, oltre alla parte video, moduli domotici in comunicazione radio, analogiche per la gestione di temperature e dimmer, moduli termostato e touch di controllo. Il sistema antintrusione dispone inoltre di tastiere tradizionali e capse sense in vetro, espansioni I/O, concentratori radio e gateway di connessione Konnex o Modbus. Ma la vera novità di Sunsecurity riguarda la videosorveglianza. La centrale, infatti, riceve via rete da ogni singola telecamera le segnalazioni di analisi video, la targa letta da una telecamera ANPR, la temperatura letta da una telecamera di lettura temperatura corporea o le soglie di allarme delle telecamere termiche. Si ottiene dunque sistema totalmente integrato, di semplice configurazione, e appoggiato in piena sicurezza al cloud proprietario di Sunell.

Sistemi antintrusione Proxima: El.Mo. ci mette l’AI

Dedicata a spazi industriali, retail e Gdo, la centrale antintrusione Proxima di El.Mo. cresce in funzionalità e intelligenza. Proprio a Sicurezza 2021, l’azienda ha presentato l’integrazione del sistema con D-Pulse, nuova tecnologia di interfacciamento diretto via Lan tra la videosorveglianza con intelligenza artificiale e-Vision e i sistemi antintrusione gestiti dai “cervelli” Proxima. C’è di più: le centrali sono ora in grado di implementare nativamente le funzioni di controllo accessi. Ciò significa che i sistemi antintrusione basati su Proxima monitorano anche l’ingresso ai luoghi sensibili, abbattendo costi, cablaggi e ulteriori complessità. Terza novità, le centrali supportano Terabus, il protocollo RS-485 proprietario creato da El.Mo. per potenziare velocità di trasmissione e sicurezza nelle comunicazioni.

Centrali smart di El.Mo. serie Proxima
Le centrali Proxima allo stand di El.Mo.

Come funziona il super sensore Synapses

Dalle centrali di allarme ai dispositivi intelligenti in campo, Cias Elettronica punta su Synapses. Una soluzione sofisticata in grado di collegare video-analisi e sensori perimetrali grazie all’intelligenza artificiale. In che modo? Il super sensore esegue diversi algoritmi di video-analisi, tra i quali Deep Learning. Il campo visivo di ogni telecamera connessa al sistema si può dividere in 8 aree, liberamente configurabili e abbinabili a 32 sensori ci campo. A questo punto, Synapses riesce a distinguere l’essere umano dalla macchina o dall’animale, per poi inviare questa informazione ai sensori collegati, che muteranno dinamicamente le soglie di rilevazione precedentemente impostate.

Sistemi di sicurezza Cias alla fiera Sicurezza 2021
La proposta di Cias Elettronica a Sicurezza 2021

Questo innovativo concetto di incorporazione flessibile di dati contestuali riduce sensibilmente il NaR (Nuisance Alarm Rate) e aumenta la PoD (Probability of Detection) nella protezione perimetrale. Insomma, un interessante salto evolutivo nelle performance antintrusione.

Emergenza over IP con Ermes

L’ultima tappa della nostra rassegna sulla sicurezza tocca il tema della gestione delle emergenze. Ma sempre in modo connesso, con la gamma di apparecchi audio over IP di Ermes che comprende citofoni, interfoni, unità per chiamate di emergenza (SoS) e diffusione sonora. Cos’hanno in più rispetto ai sistemi tradizionali? L’utilizzo di tecniche VoIP per il trattamento del segnale audio consente di realizzare impianti in aree di qualsiasi estensione, annullando il limite della distanza tipico delle soluzioni analogiche.

Audio over IP per i sistemi di emergenza Ermes
Sistemi di emergenza smart allo stand Ermes

Altro vantaggio, l’audio over IP non richiede costose reti cavi dedicate esclusivamente alla connessione dei dispositivi. Si può infatti sfruttare quella esistente, anche se condivisa con altri sistemi, senza pericolo di interferenze. Infine, i prodotti si collegano direttamente alla rete dati tramite comunicazione P2P: non servono server e altri tipi di unità centrale per la gestione del sistema, assicurando un audio di qualità con massima affidabilità.

Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 495 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.