IoT e sensori per la salute e la sicurezza delle persone

Gli oggetti connessi trovano applicazione in moltissimi settori, tra cui quello della salute e sicurezza delle persone, sia al lavoro, che nella vita privata

Iot e sensori connessi

I dispositivi connessi aumentano sempre di più e trovano applicazione in diversi settori, dal lavoro al tempo libero. Gli oggetti vengono connessi in rete e, grazie ad appositi software e sensori, sono in grado di raccogliere dati, scambiare informazioni e comunicare tra loro e con l’utente. L’IoT, oltre che in casa o in città, risulta particolarmente utile anche nel campo della salute e della sicurezza.

Le applicazioni possono essere infinite e, ancor più che in altri settori, assume un ruolo sempre più importante il tema della cybersecurity.

Le applicazioni di IoT per la saluta e la sicurezza sul lavoro

Il benessere dei lavoratori deve essere una priorità del Datore di Lavoro, che è tenuto ad aggiornare e rispettare determinati obiettivi nel campo Health&Safety. Anche se più recenti che in altri settori, le applicazioni IoT possono fare quel passo in più all’uomo non riesce. L’Internet of Things, infatti, permette di monitorare e mitigare in modo accurato i rischi legati agli ambienti di lavoro.

Appositi sensori sono in grado di rilevare la presenza di sostanze chimiche o inquinanti nell’aria, la temperatura, l’umidità e la luminosità di un ambiente. I dispositivi indossabili possono poi aiutare a monitorare l’attività delle persone, anche in relazione al contesto in cui si trovano. Tutti questi dati sono utili sia a una migliore gestione della salute e sicurezza dei lavoratori, sia a gestire in modo più efficace eventuali situazioni di emergenza.

L’IoT può prevenire i pericoli e gli incidenti, avvisando gli operatori in caso di rischio o di situazioni come fughe di gas, incendi o esplosioni, ma anche malori del lavoratore stesso. Anche nei DPI possono essere integrati sensori IoT, così da poter “parlare” al lavoratore in caso di pericolo. Un esempio? Si è parlato di caschi da lavoro in grado di monitorare lo stato psicofisico del lavoratore, così da regolarne l’attività e prevenire pericolose situazioni di stress. Oppure di dispositivi che segnalano la vicinanza a oggetti e macchine in movimento, piuttosto che la mancanza di altri DPI, come scarpe o guanti.

monitorare e mitigare in modo accurato i rischi legati agli ambienti di lavoro con l'IoT

Ideale per la manutenzione predittiva

L’IoT favorisce anche l’automazione dei processi e delle macchine, semplificando molte operazioni e introducendo il tema della manutenzione predittiva. A differenza della manutenzione ordinaria, grazie alla connessione delle macchina, è possibile intervenire prima che avvenga un guasto o una rottura, possibili cause di incidenti o infortuni. Va detto che in tutte queste applicazioni è importantissimo lavorare per la sicurezza dei dispositivi stessi e per la privacy dei lavoratori, anche se con alcuni di questi dispositivi non si raccolgono dati personali.

IoT e sanità

L’IoT può avere moltissime applicazioni in ambito sanitarioL’IoT può avere moltissime applicazioni in ambito sanitario, soprattutto grazie alla diffusione dei dispositivi wearable.

Uno dei primi passi è stato l’applicazione di questa tecnologia nel campo dello sport e del fitness, con dispositivi che monitorano l’attività fisica, ma anche i principali parametri vitali. Tutti i dati sono raccolti e tradotti in un monitoraggio della propria forma fisica. Proprio partendo da qua, si moltiplicano gli utilizzi, ad esempio Holter per l’ECG dinamico, dispositivi per il monitoraggio della pressione sanguinea o perfino pacemaker e altri dispositivi interni intelligenti.

Sono sempre di più gli operatori del settore medicale che lavorano al fine di integrare in un solo dispositivo il monitoraggio di più parametri, che sfruttando i Big Data possono portare alla creazione di banche dati virtuali. In un certo senso, danno origine a cartelle cliniche costantemente aggiornate e analisi statistiche che possono avere anche lo scopo di rilevare in tempi molto brevi l’insorgere di malattie. Proprio come nel campo industriale si parla di manutenzione predittiva, in quello sanitario si introduce il tema della diagnosi preventiva. I dati raccolti possono anche essere incrociati con esami specialistici, al fine di fornire le basi per diagnosi più complete ed accurate.

Supportare le persone anziane

Un altro tipo di applicazione, invece, riguarda la produzione di dispositivi pensati appositamente per gli anziani, una fascia fragile e sempre più ampia della popolazione italiana. L’IoT potrebbe aiutarli nel prendere i farmaci quotidianamente, con allarmi e avvisi, ma anche agevolare il monitoraggio e la raccolta di dati relativi a parametri vitali, agevolando molti esami di routine.

I dispositivi indossabili possono servire per lanciare allarmi o contattare i parenti in caso di emergenza, sia nel caso di malessere, che nel caso in cui l’anziano si allontani o esca di casa. Tutte le applicazioni di questi dispositivi, chiaramente, non sostituiscono il medico o, in generale, gli operatori sanitari, ma grazie alla costante raccolta di dati, sono in grado di agevolarne il loro lavoro.

Gaia Mussi
Informazioni su Gaia Mussi 48 Articoli
Laureata in Progettazione Tecnologica e Ambientale, da sempre appassionata ai temi della sostenibilità e della tecnologia. Collabora come copywriter con portali, magazine e aziende per la creazione di contenuti inerenti il campo dell’edilizia, della sostenibilità e del risparmio energetico

1 Trackback / Pingback

  1. Sensori e IoT per rendere le città meno inquinate - ElettricoMagazine

I commenti sono bloccati.