Design e sicurezza con ArchiEco Beghelli

Può un apparecchio pensato per le emergenze essere anche bello da vedere? È a questa domanda che risponde ArchiEco Beghelli.

ArchiEco Beghelli

ArchiEco Beghelli è la nuova linea di apparecchi di emergenza e di segnaletica che coniuga design e sicurezza, ideale per il mondo dei lighting designer e degli architetti di interni.

La progettazione architettonica dell’illuminazione di un interno ne prende in considerazione forme, colori, materiali ed esigenze delle persone che lo vivono, per creare luci e scenari funzionali ma anche carichi di potenziale emotivo.

Archieco Beghelli è sicurezza ed estetica

L’illuminazione di emergenza talvolta fatica ad integrarsi correttamente in questa filosofia a causa di apparecchi con forme, colori e dimensioni che stridono con l’ambiente in cui sono collocate. Dalla comprensione delle esigenze architetturali, unita al rispetto per l’ambiente, nasce ArchiEco Beghelli, una linea di apparecchi per emergenza e segnaletica (che include i modelli Nu.da, Design, Dot, Zero) esteticamente idonea ad essere collocata in qualsiasi ambito applicativo, come il residenziale, il commerciale o il pubblico.

Gamma ArchiEco BeghelliIl design di tutti gli apparecchi della linea ArchiEco si ispira al minimalismo estetico: elementi semplici, linee pulite e dimensioni ridotte. A ciò si aggiunge uno specifico trattamento superficiale che permette la pittura delle lampade insieme alla parete. I materiali non trasparenti con cui sono realizzati gli apparecchi sono sottoposti ad un trattamento superficiale strutturato che li rende simili all’intonaco, sia come potere aggrappante alle normali pitture da muro, sia come rugosità superficiale. Dopo l’installazione, la linea Archieco, crea un tutt’uno materico con la superficie di posa, gli apparecchi “scompaiono” sul muro e l’impianto di illuminazione di emergenza risulta pressoché invisibile, senza però che ne sia inficiata la capacità di intervento e la sicurezza.

ArchiEco significa anche rispetto dell’ambiente: tutti i componenti strutturali sono caratterizzati dalla drastica riduzione di agenti inquinanti nei processi produttivi e da materie prime rinnovabili, come alluminio, plastiche di riciclo o polimeri di nuova generazione come il PHA, la bio plastica ricavata da fonti organiche, non di origine chimica, interamente biodegradabile e compostabile.

Redazione
Informazioni su Redazione 1109 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.