Trasporto pubblico elettrico: le tecnologie ci sono, e la strategia?

Meno emissioni di CO2, mobilità urbana più green: l’evoluzione del trasporto pubblico elettrico secondo le soluzioni Grid-eMotion di Hitachi ABB Power Grids

Trasporto pubblico elettrico: ricarica con Hitachi ABB Power Grids

Immaginiamo di risparmiare 1.000 tonnellate di CO2 su una linea che copre circa 600.000 chilometri l’anno: con le nuove tecnologie per il trasporto pubblico elettrico è possibile.

Ma per rivoluzionare davvero la mobilità urbana, non basta adottare le soluzioni di e-mobility più innovative. Serve un approccio strategico, che guardi all’intera catena della mobilità “calata” in ciascun contesto cittadino. Le proposte per la ricarica ultrarapida e la ricarica in deposito degli autobus elettrici di Hitachi ABB Power Grids vanno proprio in questa direzione.

Trasporto pubblico elettrico: come intervenire

Movimentare in modo efficiente e sostenibile una grande quantità di persone è il principale obiettivo di chi gestisce il trasporto pubblico locale (TPL). La strategia di Hitachi ABB Power Grids per questa sfida è spostare l’energia dal mezzo alla linea. Ovvero, cambiare nettamente il paradigma del trasporto pubblico elettrico con soluzioni di ricarica ultrarapida in corrispondenza delle fermate. Questo ottimizza i costi infrastrutturali e l’operatività della flotta di e-bus interessati.

Mobilità urbana elettrica con Grid-eMotion Flash Ricaricare gli autobus con Grid-eMotion Flash

La stazione Grid-eMotion Flash garantisce anche maggiore sicurezza. Dal punto di vista del mezzo, infatti, le batterie di bordo sono compatte e di peso contenuto (capacità da 90 a 112 kWh), mentre le colonnine di ricarica flash sono completamente automatizzate. Tradotto: non c’è comunicazione tra infrastruttura e autobus e il punto di connessione si trova a 4 metri e mezzo di altezza, è in corrente continua ed è alimentato solo quando il bus è fermo e collegato.

Il risultato? “Selezionando le tecnologie appropriate e garantendo una gestione energetica ottimale, Grid-eMotion Flash può far risparmiare fino a 1.000 tonnellate di CO2 su una linea che copre circa 600.000 chilometri l’anno – spiega Filippo Passante, Operating Unit Manager per l’Italia della BU Grid Integration di Hitachi ABB Power Grids -. Inoltre, i costi infrastrutturali del sistema sono del 30% inferiori a quelli di una equivalente linea filobus”.

Mobilità urbana con il grid-to-plug

Sempre in tema di trasporto pubblico elettrico, c’è anche la tecnologia Grid-eMotion Fleet per la ricarica in deposito degli autobus. Qui, la soluzione è di tipo grid-to-plug: funziona attraverso container standard che integrano sistemi di connessione alla rete e di ricarica in un unico blocco pronto per l’installazione.

Grid-eMotion Fleet si collega a qualsiasi tipo di rete elettrica. Non solo: rispetto a una connessione convenzionale alla rete AC, riduce del 60% lo spazio necessario per la ricarica su larga scala, mentre il cablaggio del deposito diminuisce del 40%. Inoltre, la soluzione sfrutta l’energia rinnovabile eventualmente prodotta in loco attraverso un sistema digitale di gestione dell’energia. La stazione di ricarica si basa infatti su e-mesh EMS di Hitachi ABB Power Grids, che permette di migliorare l’intera infrastruttura di ricarica, calcolare il consumo energetico degli autobus ed elaborare, pianificare e fornire servizi efficaci per i passeggeri.

Trasporto pubblico elettrico, sostenibile e digitale: ecco la ricetta vincente per la mobilità urbana.

Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 467 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.