That’s Mobility 2019: la strada per la mobilità elettrica in 8 mosse

A That’s Mobility 2019 è emersa una fotografia reale e concreta della mobilità a zero emissioni, connessa e condivisa

That’s Mobility 2019: la strada per la mobilità elettrica in 8 mosse

L’evoluzione della mobilità tradizionale verso un modello più sostenibile, connesso e condiviso è stato il focus di That’s Mobility 2019, l’evento dedicato alla mobilità elettrica organizzato da Reed Exhibitions in partnership con l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano che ha presentato lo Smart Mobility Report.

That's Mobility 2019 evento mobilità elettrcaNella due giorni milanese è emersa una fotografia reale e concreta della mobilità a zero emissioni dando risposta a domande quali: Come si sta muovendo la filiera italiana della mobilità elettrica? Che impatto hanno avuto gli ecobonus? Dove si trovano i punti di ricarica? Gli italiani come affrontano questa trasformazione?

That’s Mobility 2019: un viaggio fra i segreti della smart mobility

1 – Un settore in grande fermento

Il 2019 ha segnato un traguardo importante per la diffusione dell’auto elettrica in Italia: per la prima volta, ad aprile, è stata superata la soglia dei 1.000 veicoli immatricolati in un mese, risultato che si è ripetuto in maggio e in giugno.

Complice l’Ecobonus introdotto dalla Legge di Bilancio 2019, che ha consentito di ridurre il costo di acquisto dei veicoli elettrici. Di fatto sono state circa 6.000 le immatricolazioni nei primi 7 mesi dell’anno contro le 9.759 dell’intero 2018.

2 – Infrastrutture di ricarica: numerosità e diffusione

La diffusione della mobilità elettrica non può prescindere della rete di ricarica: oggi sono 8.200 i punti tra pubblici e privati ad accesso pubblico: record in Lombardia con oltre 1.000 colonnine, seguono Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Sicilia. Il 20% circa è di tipo fast charge.

Ma la numerosità non è l’unico fattore importante: fondamentale anche la localizzazione dei punti di ricarica. Sono state individuate 3 aree:

  • il 25% nei punti d’interesse (centri commerciali, cinema, supermercati);
  • il 70% su strade urbane e parcheggi pubblici;
  • il 5% su autostrade e strade extraurbane.

Per quanto riguarda i punti di ricarica privati, la stima è dell’ordine degli 11.000 – 13.000.

3 – Quanto pesano gli incentivi e le agevolazioni?

That's Mobility 2019 particolare autoGli incentivi economici rappresentano un fattore determinante: sommando “bonus” nazionali e locali all’acquisto emerge la fotografia di un’Italia in cui è il Nord a mostrare la maggiore dinamicità.

L’esenzione dalla tassa di circolazione, temporanea o permanente, è presente in tutte le regioni, mentre le facilitazioni all’accesso o alla sosta variano: in Valle d’Aosta, Campania e Lazio sono ampiamente diffuse, mentre in Abruzzo e Calabria sono assenti.

Inoltre, con il solo incentivo nazionale all’acquisto si impiegano circa 5 anni per pareggiare il costo di un’auto a benzina, con un risparmio complessivo di 7.000 euro su 10 anni. Mentre dove sono presenti incentivi regionali cumulabili (3.500 euro), oltre a facilitazioni alla sosta e all’accesso, il “pareggio” arriva già dopo 2 anni.

Caso diverso a Trento, dove grazie a un incentivo di 6.000 euro cumulabile, l’investimento in un’auto elettrica si ripaga in un anno.

3 – L’evoluzione dell’offerta: 62 modelli tra cui scegliere

34 veicoli ibridi plug-in (taglia della batteria da 6 a 14 kWh) e 28 auto elettriche pure (taglia della batteria da un minimo di 16 a un massimo di 100 kWh) mostrano che le case automobilistiche si stanno impegnando nel proporre versioni per ogni segmento di mercato.

auto elettriche a that's mobility 2019

4 – L’impatto ambientale

Una delle tematiche trattate è stato l’impatto ambientale associato all’auto elettrica.  Le emissioni di anidride carbonica lungo il ciclo vita del veicolo risultano sempre inferiori per quelli elettrici rispetto a quelli con motore a combustione interna: in entrambi i casi lo scenario peggiore si ha quando la produzione della batteria e l’assemblaggio dell’auto avvengono in Cina; viceversa, il caso migliore è associato alla filiera 100% italiana, cioè in cui tutti i componenti sono prodotti e assemblati nel nostro Paese. Da un caso all’altro la CO2 prodotta diminuisce fino al 30%.

5 – Boom della mobilità condivisa

Un fenomeno emergente è quello dello sharing di bici, automobili e scooter. A fine 2018 il parco circolante complessivo ammontava a 44.500 unità:

  • 35.800 unità per il bike sharing
  • 6.500 veicoli per il car sharing
  • 2.200 unità per lo scooter sharing

6 – Vehicle to Grid

Per quanto riguarda l’utilizzo di veicoli elettrici per la fornitura di servizi a beneficio del sistema elettrico – Vehicle to Grid (V2G) – l’Italia sta muovendo i primi passi con test sulla fattibilità tecnica. La revisione del quadro normativo-regolatorio dovrebbe consentire le sperimentazioni relative alla partecipazione dei veicoli elettrici in forma aggregata al Mercato per i Servizi di Dispacciamento (MSD).

7 – Le barriere alla diffusione

That's Mobility 2019 colonnina ricarica elettricaLa strada è tracciata, ma le difficoltà da superare sono molte. Cosa frena ancora l’acquisto di un’auto elettrica? Da alcune indagini effettuate è emerso che il prezzo e l’autonomia limitata sono ancora due criticità. A questa si aggiunge anche una barriera difficile da superare: quella psicologica – nota come range anxiety – legata al tempo di ricarica e all’ansia di non trovare una colonnina.

8 – Mobilità elettrica a portata di App

La mobilità elettrica non è un semplice passaggio tecnologico: guidare un’auto elettrica implica l’adozione di nuovi comportamenti e soprattutto un cambio di mentalità. In particolare, prima di affrontare un viaggio è necessario verificare se e dove sarà necessario attaccare la spina per il rifornimento. Inoltre, è necessario essere in possesso degli strumenti corretti per effettuarla. Per questo non possono mancare App capaci di visualizzare disponibilità, tipologia di accessi e di pagamento.

Le colonnine di ricarica elettrica devono avere la possibilità di collegarsi in chiave IoT a diversi dispositivi per impostare funzionalità come utilizzo, controllo, gestione della ricarica, sicurezza del veicolo. Oltre ad avere sensori di prossimità, webcam o la possibilità del pagamento contactless.

E anche se la strada è ancora lunga, l’Italia ha già ingranato la marcia elettrica!

Guarda il video che racconta That’s Mobility 2019

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1341 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.