Nuova partnership per la ricarica elettrica

Il futuro dell’auto è sempre più green, ma occorre sviluppare maggiormente l’infrastruttura di ricarica elettrica

In Italia si affaccia un nuovo attore nel settore dell’emobility: ABL, azienda tedesca specializzata nello sviluppo e nella produzione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, sigla un accordo con Elpo.

ABL – nota per l’invenzione della presa Schuko e dei primi interruttori automatici – offre una gamma completa di soluzioni plug & charge di ricarica elettrica rivolte sia ai privati che intendono installare nel proprio garage wallbox dagli ingombri ridotti, sia a utenti pubblici e semi pubblici come strutture ricettive, centri commerciali.

Pioniere del fotovoltaico, da anni Elpo è impegnata nella produzione di energia pulita con sistemi a ridotto impatto ambientale, come centrali idroelettriche, termoelettriche e a biogas.

ABL colonnina di ricarica elettrica“Siamo consapevoli che la salvaguardia del pianeta dipenda anche dall’impiego di tecnologie ecocompatibili ed ecologiche – sottolinea il Presidente Robert Pohlin – tra cui anche la mobilità elettrica, per la quale, in collaborazione con ABL, abbiamo attivato una rete capillare di distributori e installatori specializzati”.

La partnership con Elpo porta il valore aggiunto di un servizio di distribuzione capillare e di un magazzino in pronta consegna sul territorio italiano.

Inoltre, a completare l’offerta la partnership con evWay per l’integrazione di servizi di back-end e front-end per la gestione della ricarica elettrica e del pagamento attraverso una piattaforma dedicata accessibile anche da mobile.

La mobilità passa attraverso la diffusione di ricarica elettrica

“Se è vero che il futuro dell’auto è sempre più green e che entro il 2025 la metà dei veicoli prodotti al mondo sarà elettrificata, appare evidente come l’Italia non possa più aspettare”, aggiunge Robert Pohlin.

È necessario uno sviluppo dei sistemi di ricarica che come evidenziato dal E-Mobility Report 2018 è uno dei fattori di criticità che ostacolano la crescita delle auto elettriche. Un’importanza, quella della ricarica elettrica, testimoniata anche dalla scelta di Google di inserire nelle mappe anche le colonnine per veicoli elettrici tra i luoghi di interesse, in modo che possano essere individuate tramite APP su smartphone.

Lo sviluppo delle infrastrutture diventa quindi un’esigenza cruciale, sia dal punto di vista delle colonnine pubbliche e industriali, sia per punti di ricarica privati, soprattutto domestici. In questa direzione si sta muovendo anche la normativa italiana, che con la nuova Legge di Bilancio 2019 in vigore dal 1° marzo incentiva l’eMobility con detrazioni fiscali fino al 50% per i privati che installano colonnine di ricarica presso la propria abitazione.

Vittoria Viazzo
Informazioni su Vittoria Viazzo 89 Articoli
Collaboratrice di Elettricomagazine.it, specializzata nei settori della riqualificazione, rinnovo ed efficienza energetica