La nuova climatizzazione, purifica e igienizza

Abbandonato il tradizionale concetto di climatizzazione, nasce un nuovo modo di pensare alla qualità dell'aria indoor: purificare e igienizzare gli ambienti per un migliore comfort climatico. Per Samsung significa WindFree Pure 1.0

Il nuovo climatizzatore WindFree Pure 1.0 di Samsung

Nasce da un modo innovativo di pensare alla qualità dell’aria indoor e al benessere abitativo, per finire a conformarsi alle nuove e più attuali esigenze. È il concetto di climatizzazione e comfort climatico per interni di Samsung, espresso nel nuovo WindFree Pure 1.0. A raccontarci i dettagli di questa visione è Ettore Jovane, Head of Air Conditioning Business di Samsung Italy.

Oltre la climatizzazione: la qualità dell’aria

Ettore Jovane, head of Air Conditioning Business di Samsung Italy
Ettore Jovane -Head of Air Conditioning Business Samsung Italy

“Le nuove esigenze espresse da quanto accaduto a seguito della pandemia di Covid-19 non hanno fatto altro che confermare trend per noi importanti da sempre – spiega Jovane. – Ovvero la qualità dell’aria indoor e il benessere abitativo”. I prodotti della sezione Air Conditioning di Samsung prendono le mosse da questi presupposti. “Nel 2017 abbiamo lanciato per la prima volta la soluzione WindFree che ha aggiunto ai benefici della climatizzazione quelli della qualità dell’aria per un reale comfort climatico”.

Oggi il nuovo WindFree Pure 1.0 fornisce anche una risposta a due esigenze divenute di stringente attualità: la purificazione dell’aria e l’igienizzazione. E utilizza a questo scopo un doppio sistema di filtrazione.

Il sistema WindFree Pure 1.0 è dotato di:

  • filtro elettrostatico PM1.0
  • funzione Freeze Wash
  • controlli smart.

Samsung ha introdotto direttamente a bordo macchina il controllo e il monitoraggio della qualità dell’aria all’interno delle abitazioni

Lotta all’inquinamento indoor con la doppia filtrazione

“Il filtro PM1.0 in dotazione permette la purificazione dell’aria, filtrando le particelle di polvere fino a 0,3 micron – spiega Jovane. – Inoltre è in grado di sterilizzare l’ambiente eliminando fino al 99,9% di batteri, catturati grazie alla carica elettrostatica generata dagli elettrodi del filtro stesso. La funzione Freeze Wash, controllabile dall’apposita App SmartThings o dai comandi del climatizzatore, consente invece di rilevare eventuale sporco presente sullo scambiatore di calore della macchina, allertando della necessità di manutenzione”.

Portando lo scambiatore di calore a -15°C consente la rimozione fino al 90% dei batteri. Attivando in seguito la funzione defrost, il ghiaccio così formato si scioglie e permette di eliminare alcuni tipi di batteri che altrimenti rimarrebbero all’interno dello scambiatore. L’utente può anche essere avvisato tramite notifica dall’App SmartThings quando questa operazione è necessaria. La manutenzione risulta così semplificata e agevolata dall’impianto stesso, garantendo in tal modo un’elevata efficienza.

Infine “le funzionalità dei controlli smart permettono di avere sempre il massimo comfort e aria più pulita in ogni ambiente”. Il climatizzatore è dotato di sensore in grado di registrare in ogni momento la qualità dell’aria interna. In caso rilevi un alto livello di inquinamento atmosferico invia una notifica all’utilizzatore che può così attivare, sempre attraverso l’applicazione da remoto, la modalità di purificazione aria.

La tecnologia proposta con il nuovo modello di climatizzatore, continua il manager, è l’evoluzione di quanto già ideato per la gamma WindFree, “dal filtro ad alta densità Tri-Care che utilizza ioni d’argento per la purificazione dell’aria, a Easy Filter Plus, un filtro facile da rimuovere e da mantenere pulito, anche grazie alla funzione Autoclean, presente per altro sull’intera gamma WindFree”.

Climatizzazione: nuovo WINDFREE PURE 1.0 di samsung
WindFree Pure 1.0 è l’evoluzione della gamma WindFree e unisce climatizzazione, purificazione dell’aria e igienizzazione

Evoluzione digitale: qualità dell’aria a bordo macchina

Nelle nuove soluzioni il ricorso a tecnologie smart e a sistemi digitalizzati ricopre un ruolo chiave.

In tema di digitalizzazione dei sistemi, Samsung ha introdotto una novità importante: il controllo e il monitoraggio della qualità dell’aria all’interno delle abitazioni, direttamente a bordo macchina. “È lo stesso impianto – aggiunge Jovane – a suggerire l’uso del dispositivo in funzionalità purificatore attraverso la notifica sul display presente sul comando, sull’App e sul condizionatore stesso”. E non solo, “questo concept è stato trasportato anche nel mondo del terziario e industriale. Oggi quindi possiamo montare un filtro per la purificazione dell’aria anche sulle cassette delle unità interne di queste tipologie di impianti”.

L’azienda ha lavorato molto sull’integrazione dei sistemi. “Già nel 2012 abbiamo messo il wi-fi sui nostri condizionatori per consentirne la gestione in remoto. Il nostro è un ecosistema in cui i vari impianti dialogano tra loro”. E diverse sono le tecnologie di cui la climatizzazione Samsung si avvale:

  • intelligenza artificiale (AI)
  • controllo vocale
  • controllo e monitoraggio di pulizia e manutenzione.

Attraverso il ricorso a sistemi di AI gli impianti sono in grado di regolare la climatizzazione, anche in base alle abitudini dell’utente. Il controllo vocale invece è attivabile con tutti i principali assistenti vocali in commercio. Mentre il ricorso ad App permette di gestire in modo efficiente ed efficace la manutenzione programmata, con un evidente vantaggio sia per l’utente finale sia per i professionisti del settore.

Gestione in chiave IoT

I climatizzatori dunque fanno parte di un più ampio ecosistema SmartThings in cui i vari impianti sono connessi in chiave IoT – internet delle cose – e domotica, e in cui si gestiscono diverse funzioni:

  • controllo
  • notifiche in tempo reale
  • scenari
  • risparmio energetico.

Il tutto, sottolinea Jovane, gestibile semplicemente da dispositivi mobili.
“Senza dubbio la tecnologia domotica è in grado di semplificare la vita. Tuttavia c’è ancora un gap culturale da superare. Il nostro compito resta però quello di rendere semplice e fruibile ciò che, in realtà, è complesso. Per questa ragione continuiamo a studiare nuovi prodotti e soluzioni attraverso il nostro dipartimento di Ricerca e Sviluppo”.

Ascoltare l’installatore

“Tutte le novità introdotte strizzano l’occhio anche al lavoro dell’installatore” sottolinea il manager. Un esempio è la movimentazione automatica del pannello del condizionatore – disponibile, nello specifico, su sistemi di climatizzazione commerciali –, che permette al manutentore di effettuare il proprio lavoro con maggiore facilità.

“L’installatore va ascoltato nelle sue esigenze e nei suoi suggerimenti. Anche per questo abbiamo instaurato un dialogo costante attraverso Samsung Aircon Academy, il nostro centro di formazione, in cui la pratica sui nostri prodotti è parte fondamentale del percorso formativo”. Un feedback costante che proviene dal mondo di chi opera sul campo, dunque, e una collaborazione molto apprezzata dagli stessi installatori e progettisti. Nel 2020 l’Academy ha addirittura contato un aumento del 60% di figure professionali formate attraverso i suoi corsi. A dimostrazione da un lato dell’interesse del settore al tema della formazione, dall’altro della capacità dell’azienda di organizzarsi con proposte formative anche a distanza. Di tutto questo resterà qualcosa? Jovane ne è sicuro, quella dei prossimi anni “sarà una comunicazione nuova, con proposte ibride di formazione”.

“Ready for the New World” dunque? Come recita lo slogan dell’evento Climate Solutions Day organizzato da Samsung a gennaio 2021. “Sì” risponde Jovane. “Pronti per un mondo connesso e agevolato dalle funzioni digitali. Ma che sia un mondo – commenta in ultimo – che resti comunque saldamente con i piedi per terra”.

Raffaella Quadri
Informazioni su Raffaella Quadri 37 Articoli
Giornalista freelance, lavora da anni nel campo della comunicazione, in particolare nei settori tecnico industriali – tra cui l'elettrico e il comparto delle tecnologie –, esperienza che le ha permesso di sviluppare un approccio multisettoriale.