Dal Superbonus 110% al Bonus rubinetti: lo status dei Bonus nel settore edilizio

Qual è lo status dei Bonus in ambito edilizio? Che tipo di difficoltà e quali benefici stanno riscontrando le imprese del settore? Se ne è discusso in un recente webinar organizzato da Hardware Forum Italy

Bonus settore edilizio

Gli incentivi governativi correlati agli interventi di manutenzione e di ristrutturazione della casa stanno offrendo una spinta propulsiva all’intero mercato edilizio nel suo complesso. Delle opportunità derivanti dalle agevolazioni fiscali si è discusso nel recente webinar Dal SuperBonus 110% al Bonus rubinetti organizzato da Hardware Forum Italy, che ha visto la partecipazione di diversi opinion leader esperti del settore.

Scopriamo alcuni dei punti di cui si è discusso durante l’evento.

Analisi dei Bonus nel settore edilizio

Oggi siamo nel pieno dell’attuazione delle detrazioni fiscali per la ristrutturazione e la manutenzione delle case. Districarsi nella moltitudine di Bonus disponibili per i consumatori è un’impresa piuttosto ardua, considerato che esistono svariati incentivi. Il Sisma Bonus, il Bonus Verde, il Bonus Sicurezza, il Bonus Facciate, il Bonus Casa, il Bonus idrico per la sostituzione dei rubinetti e l’Ecobonus sono solo alcuni esempi delle varie agevolazioni attualmente disponibili.

Il lungo elenco fa intuire già di per sé la necessità di un’armonizzazione a livello dei vari Ministeri competenti, puntando verso una crescente facilitazione.

A oggi, il Decreto Semplificazioni prevede un allungamento del Super Ecobonus fino al 2023 ma per il resto si brancola ancora nel buio. L’armonizzazione si renderà necessaria anche in tema di risparmio energetico, per far in modo che i fruitori possano effettivamente godere delle specifiche detrazioni fiscali.

Il Superbonus 110% secondo l’indagine ANCE

ANCE, Associazione Nazionale Costruttori edili, ha raccolto un’analisi di come stanno funzionando i diversi Bonus nel settore edilizio attualmente fruibili, a partire dal Superbonus, anche alla luce di tutti i risvolti creditizi e fiscali.

Il Superbonus ha indubbiamente fornito una spinta propulsiva al mercato. A evidenziarlo sono i dati dell’ENEA che indicano come, dall’introduzione dell’incentivo, il tasso di crescita del mercato sia risultato e risulti tuttora in aumento mese dopo mese. Uno degli aspetti più interessanti che si possono riscontrare è che la crescita appare omogenea su tutto il territorio nazionale.

Superbonus 110% e andamento del mercato
Superbonus 110% e andamento del mercato: i dati ANCE

Partecipazione delle imprese

Altro dato rilevante si evidenzia nella grande partecipazione da parte delle imprese, chiaro segnale delle notevoli potenzialità dello strumento. Secondo quanto rilevato dall’indagine ANCE, per ben il 58,8% delle aziende italiane il Superbonus e, in genere, tutti vari incentivi disponibili saranno molto importanti per lo sviluppo delle attività.

Problematiche riscontrate

Si segnalano tuttavia diverse difficoltà. Solo l’8,2% delle imprese non ha riscontrato problemi. La criticità principale risulta essere la verifica della conformità urbanistica (36,8%), seguita dalle difficoltà nell’ottenimento dell’asseverazione nell’iter di approvazione da parte dei condomini (12,9%).

Si stanno inoltre incontrando degli ostacoli nell’utilizzo delle piattaforme bancarie appositamente create per la gestione degli incentivi. Solo il 15,6% delle imprese non ha avuto difficoltà nell’uso delle stesse. Le principali criticità rilevate riguardano i tempi eccessivi per la risposta e la mancanza di un supporto per il caricamento della modulistica.

Prestito ponte

Rispetto al prestito ponte, dai dati dell’ANCE emerge che una buona fetta delle imprese (64,5%) non lo ha richiesto. Per gran parte delle aziende che ne ha fatto richiesta, i tempi di risposta hanno superato in media i tre mesi.

I principali problemi riscontrati nella concessione del prestito ponte sono stati, più esattamente, i tempi lunghi per la conclusione del contratto e la richiesta del merito creditizio. Delle imprese coinvolte nell’indagine, solo il 31,3% non ha riscontrato criticità.

Cessione del credito

Sebbene si tratti di un’operazione molto più semplice rispetto al finanziamento, anche nel caso della cessione del credito fiscale le imprese hanno incontrato e continuano a riscontrare delle difficoltà.

Dai dati ANCE, si evince che i tempi si rivelano prolungati. Circa la metà delle imprese ha richiesto la cessione del credito, ma con tempi di attesa che superano i quarantacinque giorni. Inoltre, il 69,1% delle richieste effettuate da parte delle aziende per la cessione del credito fiscale non ha ancora ricevuto risposta.

Le principali difficoltà evidenziate si trovano nei ritardi rispetto alla stipula del contratto e nelle tempistiche di accettazione delle pratiche.

Superbonus 110% e cessione del credito
Dati ANCE

Vantaggi dei Bonus nel settore del serramento

A oggi in Italia abbiamo un patrimonio edilizio molto antiquato. Ben il 70% dei nostri immobili è stato infatti edificato prima del 1974. Per intervenire su un simile contesto, il Superbonus 110% e l’Ecobonus Casa costituiscono un importante incentivo in favore di un modello virtuoso di sviluppo, che condurrà tanto al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici quanto alla loro messa in sicurezza in chiave antisismica.

Due obiettivi che rientrano a pieno titolo nel PNIEC, il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, progetto di rilevanza europea a sostegno di una maggiore e più diffusa sostenibilità oltre che di una riduzione della spesa energetica.

Nell’ambito del serramento, le agevolazioni fiscali acquisiscono perciò un valore molteplice. A trarne beneficio sono innanzitutto i clienti finali, i cui investimenti sono generosamente avvantaggiati sotto il profilo fiscale.

I Bonus nel settore edilizio costituiscono inoltre un volano positivo per le imprese operanti nel settore degli interventi di efficientamento energetico e di ristrutturazione. In ultimo, il ricorso alle agevolazioni permetterà di promuovere una dinamica virtuosa a favore del tessuto economico territoriale oltre che un’evidente opportunità di sviluppo in chiave sostenibile.

Informazioni su Evelyn Baleani 61 Articoli
Giornalista e Web Editor freelance. Si occupa di contenuti per i media dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ha deciso di spiccare il volo con un’attività tutta sua. Le sue più grandi passioni sono l'ambiente, il Web, la scrittura e la Spagna