Superbonus 110%: Decreto Asseverazioni e Decreto Requisiti Ecobonus

Al superbonus 110% si aggiungono gli ultimi tasselli: pubblicati il Decreto Asseverazioni che definisce la modulistica e le modalità di trasmissione e il Decreto Requisiti Ecobonus per interventi e massimali

Superbonus 110%: Decreto Asseverazioni e Decreto Requisiti Ecobonus

Il superbonus 110% è operativo: sono stati firmati il Decreto Asseverazioni e il Decreto Requisiti Ecobonus.

Il primo decreto attuativo, il Decreto Asseverazioni, è relativo alla modulistica e alle modalità di trasmissione dell’asseverazione agli organi competenti (tra cui Enea, per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici previsti dal decreto Rilancio).

Il secondo decreto, Decreto Requisiti Ecobonus, definisce i requisiti tecnici e massimali di costo per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici agevolati da ecobonus, bonus facciate e superbonus 110%.

Superbonus 110%: il Decreto Asseverazioni

superbonus MiseCon questo provvedimento viene definita la modulistica per le modalità di trasmissione dell’asseverazione, e diventa operativa la procedura inerente le verifiche e gli accertamenti delle attestazioni e certificazioni infedeli.

“L’asseverazione potrà avere ad oggetto gli interventi conclusi o in uno stato di avanzamento delle opere per la loro realizzazione, nella misura minima del 30% del valore economico complessivo dei lavori preventivato” si legge nella nota del Ministero.

Il Decreto Asseverazioni definisce i contenuti dell’asseverazione tecnica e fornisce i due modelli da utilizzare per l’asseverazione:

  • dello stato finale;
  • dello stato di avanzamento.

Nel decreto si legge che all’asseverazione tecnica è necessario allegare:

  • una copia della Polizza di Assicurazione, che costituisce parte integrante del documento di asseverazione;
  • una copia del documento di riconoscimento.

Decreto Requisiti Ecobonus

Il Decreto sui requisiti tecnici, ribattezzato Decreti Requisiti Ecobonus, definisce gli interventi che possono usufruire delle agevolazioni, i costi massimi per tipologia di intervento, le procedure e le modalità di esecuzione dei controlli a campione. Le tipologie dì intervento che possono accedere sono:

  • interventi di riqualificazione energetica dell’edificio;
  • interventi di isolamento dell’involucro edilizio
  • interventi di installazione di collettori solari;
  • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria.

E’ stata inoltre prevista la possibilità di applicare l’incentivo ai microgeneratori a celle di combustione (idrogeno) ed è stato chiarito che le porte d’ingresso, oltre alle finestre, sono detraibili, se contribuiscono a migliorare l’efficientamento energetico.

I due decreti sono stati inviati alla registrazione della Corte dei conti.

A questo link è possibile scaricare i decreti e i relativi moduli.

3 benefici fondamentali nelle parole del Ministro Patuanelli

“Il superbonus 110% – ha affermato il Ministro Patuanelli – rappresenta una misura fondamentale per il rilancio di un settore delle costruzioni”. Una misura che come ha evidenziato presenta diversi elementi positivi:

  1. rilancio produttivo di un settore e di una filiera fondamentale che in questi anni ha pagato tutte le crisi economiche a caro prezzo;
  2. le riqualificazioni energetiche e antisismiche del patrimonio residenziale privato consentono ai cittadini di poter accedere questi interventi senza esborso di denaro. È una misura anche sociale che garantisce a tutti, a prescindere dalle fasce di reddito, di poter vivere in case efficienti e sicure;
  3. risparmio energetico, il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC) ha obiettivi di riduzione delle emissioni. Come sottolineato dal Ministro, il settore dell’edilizia deve compartecipare al raggiungimento di questi obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 e per farlo è di fondamentale importanza un forte incentivo alla realizzazione di interventi di efficientamento sugli edifici pubblici e privati.

L’Ecobonus, il Sismabonus e Superbonus al 110% sono la chiave per il rilancio

Il ministro ha, inoltre, anticipato che il Governo si sta impegnando per rendere strutturale la misura dell’Ecobonus e Sismabonus al 110% e farà parte della proposta per l’utilizzo dei fondi europei.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1518 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.

1 Trackback / Pingback

  1. Superbonus 110%: cessione del credito entrano in gioco le banche

I commenti sono bloccati.