Smart work: le smart home sono pronte?

Il Covid-19 ha fatto emergere criticità ma anche opportunità: lo smart working, ad esempio, ha permesso a molti di lavorare da casa. Ma le nostre case sono tecnologicamente pronte?

Smart work a casa

Il lavoro a distanza (o smart work) è stato sotto i riflettori negli ultimi mesi a causa della pandemia Covid-19 che ha lasciato purtroppo a casa molti dipendenti, ma resta una tendenza da decenni. Il Global Workplace Analytics ha rilevato che il regolare lavoro da casa è cresciuto del 173% dal 2005 al 2018, l’11% in più rispetto al resto della forza lavoro. Ci sono diversi fattori determinanti, come spiega Rodney Elder, Global Principal, GSE/SSI di Equinix, tra cui le tecnologie migliorate per la collaborazione online, il risparmio sui costi, la sostenibilità, l’aumento della produttività, la preferenza dei dipendenti per modelli di lavoro più flessibili e altro ancora.

Tecnologia, privacy e futuro dello smart work

L’accelerazione del telelavoro cosa comporta per la propria postazione casalinga?
La maggior parte dei dispositivi smart è altamente integrata con la piattaforma basata su cloud del produttore, con conseguenti problemi di interoperabilità e di possibili blocchi legati alla fornitura del servizio da parte dei produttori in materia di supporto del ciclo di vita. Che valore ha un dispositivo per la casa intelligente se il suo servizio cloud viene interrotto?

Anche la privacy dei dati è una sfida importante. Molti utenti sono preoccupati per l’uso improprio dei dati da parte dei produttori di dispositivi. Un sondaggio condotto da Investor’s Business Daily su 902 adulti statunitensi ha rilevato che il 70% degli intervistati era preoccupato per la propria privacy relativa agli speaker intelligenti, indipendentemente dal fatto che ne possedesse uno o meno. Inoltre, uno studio sulla privacy dei dati IoT condotto dalla Northeastern University e dall’Imperial College di Londra ha rilevato che quasi il 90% degli 81 dispositivi da loro studiati condivideva dati con terze parti completamente estranei al produttore originale. Inoltre, i dati condivisi erano estesi e non protetti (il 37% dei dispositivi li condivideva come file in chiaro non criptati).

Come il settore sta affrontando queste sfide

Un modo ovvio per affrontare molte di queste sfide è scollegare il dispositivo dalla sua piattaforma cloud. I dispositivi sempre più intelligenti possono funzionare in modalità stand-alone con un’intelligenza artificiale (IA) sufficiente a gestire carichi di lavoro specifici. Un termostato intelligente non ha bisogno di avere l’intero vocabolario di Alexa per cambiare la temperatura in una casa. Le unità di microcontrollore (MCU) abilitate all’intelligenza artificiale (AI) e il minuscolo machine learning (Tiny ML) per l’edge consentono di gestire carichi di lavoro AI sul dispositivo, come il riconoscimento degli oggetti, i servizi abilitati alla voce e l’elaborazione del linguaggio naturale. Alcuni di questi dispositivi possono anche permettere agli utenti di decidere se connettersi o meno al cloud per ulteriori caratteristiche e funzioni.

I nuovi standard e le nuove soluzioni per la connettività wireless stanno inoltre aprendo la strada a una maggiore sicurezza per i dispositivi IoT in diversi modi.
Ad esempio, Citizens Broadband Radio Service (CBRS) è uno spettro recentemente designato per l’uso condiviso della banda larga wireless che non richiede una licenza. Questo rende facile per le organizzazioni costruire le proprie reti private 4G/5G. Un consorzio di aziende ha anche sviluppato una serie di standard CBRS per certificare l’interoperabilità e la sicurezza dei dispositivi.

Il WiFi 6 consente la certificazione Wi-Fi Protected Access 3 (WPA3), che include una crittografia più robusta e una gestione delle chiavi migliorata rispetto al WPA2 per una migliore protezione dei dati.

Lo slicing della rete 5G consente agli operatori di creare più reti virtuali su un’unica infrastruttura fisica comune. Ogni slice è una rete privata separata end-to-end che può essere personalizzata per affrontare diversi casi d’uso e meccanismi di sicurezza.

Implementare città e case intelligenti e sicure

Affinché la visione di una smart city, uno smart office o una smart home connessa in modo intelligente diventi realtà, è necessario che lo scambio di dati sicuro avvenga tra più fonti e attori – utenti, dispositivi, produttori, comuni, cloud, proprietari di applicazioni e altro ancora. Per offrire un’esperienza continua, sarà necessaria un’architettura IT distribuita in cui i dati possano essere scambiati ed elaborati in modo sicuro at the digital edge con modelli di governance che affrontino i problemi di privacy dei dati.

Redazione
Informazioni su Redazione 995 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.