Siemens ed EGO per la digital energy italiana

La digital energy italiana cambia passo: rinnovabili, prosumer e mobilità elettrica al centro dell’intesa tra i due player per fornire soluzioni energetiche integrate

Siemens ed EGO per la digital energy italiana

Buone notizie per la digital energy italiana: il protocollo d’intesa siglato da Siemens Italia e EGO Energy rafforzerà la transizione energetica nazionale portando sul mercato nuovi servizi digitali e integrati.

Una “mossa” strategica che consente alle due società di offrire, in partnership, soluzioni tecnologiche intelligenti a beneficio dei cittadini, delle aziende e della rete elettrica italiana.

Smart building e mobilità elettrica nella digital energy italiana

Si rafforza così la collaborazione nata nel 2017 all’insegna della piattaforma software DEOP di Siemens per il monitoraggio e l’aggregazione di unità energetiche distribuite. Oltre a questa risorsa, la nuova offerta integrata per la digitalizzazione dell’energia includerà il sistema di gestione E-Car OC per l’infrastruttura legata alla mobilità elettrica e innovative proposte dedicate alla building automation.

Obiettivo della partnership, affrontare insieme l’evoluzione dei mercati elettrici e dei servizi energetici per i prosumer

A EGO Energy spetterà il compito di integrare, con tecnologie proprietarie, i sistemi di gestione intelligente dell’energia elettrica da/verso unità di produzione e consumo, in associazione al bilanciamento della rete. Arriveranno anche ulteriori proposte di efficientamento energetico attraverso la gestione del monitoraggio locale dell’energia e l’attuazione di regole di ottimizzazione real time.

Gestire l’energia con DEOP

Cos’è la piattaforma DEOP e quali vantaggi può dare alla digital energy italiana? Nato come strumento di monitoraggio energetico, DEOP offre applicazioni e funzionalità aggiuntive.

Per esempio, la soluzione consente:

  • gestione di microreti;
  • controllo di molteplici KPI energetici;
  • demand-response;
  • previsioni adattive degli impianti di produzione e di consumo.

Questo grazie all’elevata connettività con i dispositivi di campo, all’interoperabilità con sistemi di altri produttori e all’interfaccia utente personalizzabile. Servendosi della piattaforma Siemens, già oggi EGO aggrega circa 250 MW di potenza modulabile, dei quali 140 MW assegnati da Terna durante l’asta annuale.

Come? Gestendo la comunicazione fra le unità periferiche di monitoraggio degli impianti collegati alla rete (UPM) e Terna (Gestore della rete elettrica), scambiando le informazioni di misura elettrica provenienti dagli impianti e i comandi di modulazione che arrivano dal gestore di rete. Tutto nel pieno rispetto dei requisiti di cybersecurity, dei vincoli di esercizio di ciascun impianto e dei criteri di ottimizzazione energetica ed economica della generazione distribuita.

Rinnovabili e integrazione digitale: ci siamo

“Il mercato è sempre più orientato alla generazione distribuita – spiega Pietro Bosso, manager divisione digital energy di EGO -: per questo è fondamentale saper gestire pluralità di fonti energetiche attraverso network digitali capaci di valorizzare in automatico sia la componente tecnica sia la componente economica dell’energia”.

Oltre a migliorare l’efficienza e la sostenibilità dei business dei clienti, contribuiranno al rinnovamento della rete elettrica verso una transizione energetica del Paese proficua e resiliente.

Maria Cecilia Chiappani
Informazioni su Maria Cecilia Chiappani 292 Articoli
Copywriter e redattore per riviste tecniche e portali dedicati a efficienza energetica, elettronica, domotica, illuminazione, integrazione AV, climatizzazione. Specializzata nella comunicazione e nella promozione di eventi legati all'innovazione tecnologica.