Fotovoltaico con accumulo: la leva del Superbonus

Nuove opportunità per l’installazione di un impianto fotovoltaico e dei sistemi di storage con l'entrata in vigore del Superbonus 110% previsto dal decreto Rilancio. Scopri la soluzione targata FIMER

Fotovoltaico con accumulo: la leva del Superbonus

Il Decreto Legislativo 19 maggio 2020 n. 34, conosciuto come Decreto Rilancio, prevede un Superbonus 110% per lavori di ristrutturazione edilizia legati a un miglioramento delle prestazioni energetiche di case e condomini. Tra gli interventi di efficienza energetica previsti anche l’installazione di impianti fotovoltaici, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica. Il Superbonus 110% si affianca all’Ecobonus 65% e 50, al Bonus Casa 50% per le ristrutturazioni, al Bonus Facciate…ma quest’ultimo è particolarmente restrittivo sia per accedervi sia per le tempistiche.

Vediamo le condizioni per poter sfruttare la meglio l’incentivo per il fotovoltaico e lo storage.

A quali edifici si applica il Superbonus

Ecobonus maggiorato del 110% si applica a condomìni, prime e seconde case e, come specificato dall’Agenzia delle Entrate, anche alle unità immobiliari all’interno di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti, con uno o più accessi autonomi dall’esterno, come nel caso delle villette a schiera. Restano escluse le abitazioni di tipo signorile e le abitazioni in ville che rientrano nelle categorie catastali A/1 e A/8 e A/9 ma non aperte al pubblico.

Gli interventi trainanti per accedere

logo superbonus 110%Obiettivo del Decreto Rilancio, oltre a dare nuovo slancio all’economia e all’edilizia, è quello di migliorare l’efficienza energetica del parco edilizio italiano che conta più di 10 milioni di unità immobiliari “energivore”, tra case e condomini. La condizione per ottenere il Superbonus 110% è quella di eseguire lavori trainanti di riqualificazione energetica e precisamente:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni (pompe di calore, solare termico, etc.)
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
  • interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

A questi interventi possono essere aggiunti quelli definiti trainati come il fotovoltaico, lo storage e l’installazione di colonnine per la ricarica elettrica.

Fotovoltaico, come funziona il Superbonus 110%

Come specificato nel provvedimento, la detrazione al 110% spetta per:

  • impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici, fino ad una spesa massima di 48.000,00 euro e comunque fino a 2.400,00 euro per ogni kW di potenza nominale;
  • sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici, alle stesse condizioni degli impianti solari fotovoltaici e comunque fino a 1.000,00 euro di spesa per ogni kWh di capacità di accumulo.

Con la circolare 60/E/2020, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che il tetto di spesa di 48mila euro per l’installazione di pannelli fotovoltaici si somma ad altri 48mila euro per l’eventuale installazione, anche successiva, di sistemi di accumulo integrati negli impianti fotovoltaici.

È bene sottolineare che, per ottenere la detrazione al 110%, è necessario che:

  • l’installazione degli impianti fotovoltaici sia eseguita congiuntamente a uno degli interventi trainanti di efficientamento energetico o di adozione di misure antisismiche;
  • l’energia non autoconsumata o non condivisa per l’autoconsumo, sia ceduta al Gestore dei servizi energetici (GSE).

Questo significa che è possibile ottenere la detrazione maggiorata solo se l’acquisto e installazione del fotovoltaico e dei sistemi di accumulo fa parte di un investimento più ampio.

Fotovoltaico e accumulo sono interventi trainati nel superbonus

Come beneficiare

È possibile richiedere la detrazione fiscale al 110% delle spese documentate per interventi effettuati tra il 1° luglio 2020 e 31 dicembre 2021 (anche se è molto probabile una proroga con la Legge di Bilancio di fine anno):

  1. pagando gli interventi e beneficiando del credito di imposta in 5 quote annuali di pari importo
  2. utilizzando il meccanismo della cessione del credito
  3. utilizzando lo sconto in fattura

Da sottolineare che per accedere al Superbonus è necessario migliorare l’edificio di almeno due classi energetiche dimostrandolo con l’attestato di prestazione energetica (APE) eseguito prima e dopo gli interventi, nella forma di una dichiarazione asseverata rilasciata da un tecnico abilitato.

Superbonus 110%: la soluzione targata FIMER

ADV FIMER superbonus 110%
Scopri le soluzioni FIMER per il Superbonus 110%

L’introduzione della misura ha avuto un impatto molto forte sulla filiera: aziende, distributori, installatori si stanno organizzando per rispondere alle esigenze dei consumatori che intendono beneficiare del Superbonus 110%. FIMER – primo produttore di inverter per energie rinnovabili in Italia e nel mondo – risponde con un ampio portafoglio di soluzioni che comprende inverter di stringa monofase e soluzioni per l’accumulo di energia adatti a sistemi fotovoltaici installati in impianti solari residenziali.

Resta inteso il pre-requisito iniziale: per accedere al Superbonus queste soluzioni devono essere installate in presenza degli interventi trainanti.

Tra le soluzioni troviamo:

  • REACT 2, il sistema di storage con batteria integrata agli ioni di litio e una capacità di accumulo fino a 12 kWh, che consente di immagazzinare l’energia prodotta in eccesso e utilizzarla quando serve;
  • la gamma di inverter di stringa monofase UNO-DM-TL-PLUS-Q con classi di potenza da 1.2 a 6.0 kW.

REACT 2: l’accumulo efficiente e flessibile

REACT 2 è la soluzione per l’accumulo residenziale, con una batteria di lunga durata e un’ampia capacità di immagazzinamento di energia (da 4 a 12 kWh, in base al numero di batterie utilizzate), in grado di ottimizzare i benefici del fotovoltaico in termini di efficienza, risparmio e flessibilità, garantendo a ogni abitazione maggiore comfort nelle abitudini di consumo elettrico.

REACT 2 sistema di accumulo Fimer

Installare REACT 2 porta con sé tantissimi vantaggi!

Efficienza – È una soluzione integrata inverter + batteria con tecnologia agli ioni di litio che garantisce un’elevata efficienza nella conversione dell’energia e una vita utile maggiore delle batterie grazie a una logica di funzionamento che risulta ottimale in qualsiasi condizione.

Risparmio – REACT 2 aumenta la quota di autoconsumo dell’energia fotovoltaica prodotta (fino al 90% nei periodi con più ore di luce) assicurando un risparmio sulla bolletta elettrica.

Affidabilità – Qualità dei materiali e tecnologie innovative garantiscono sicurezza di utilizzo. Inoltre, è possibile monitorare il sistema in ogni momento, sia per quanto riguarda la produzione di energia che l’accumulo in batteria.

Semplicità – La flessibilità e la facilità di installazione, grazie ai connettori plug and play tra inverter e batteria, fanno di REACT 2 la scelta ideale sia per nuove installazioni, sia per retrofit.

Connettività – Il sistema di accumulo FIMER è dotato di una porta Wi-Fi integrata che rende possibile il monitoraggio della produzione fotovoltaica e del consumo di energia. Attraverso la App dedicata è possibile, ad esempio, programmare l’attivazione di alcuni elettrodomestici, visualizzare grafici relativi al consumo e ottenere consigli per aumentare l’autoconsumo utilizzando al meglio l’energia prodotta.

Flessibilità – La modularità consente di scegliere la taglia più adatta e, se si ha la necessità di espandere la capacità di accumulare energia, è sufficiente aggiungere dei moduli batteria.

Backup – In caso di black-out della rete elettrica è possibile alimentare dispositivi e impianti utilizzando l’energia accumulata.

Inverter di stringa UNO-DM-PLUSInverter UNO-DM-TL-PLUS-Q: efficiente, connesso e smart

La gamma di inverter di stringa monofase UNO-DM-TL-PLUS-Q è progettata per soddisfare le necessità di qualsiasi abitazione con un duplice obiettivo: sostenibilità e risparmio sulle bollette energetiche. Anche questa tipologia di inverter consente di usufruire della detrazione fiscale.

Tra i plus: la facilità di installazione e manutenzione grazie alla connettività integrata. da sottolineare l’importanza della connettività wireless nativa che ne facilità l’integrazione nelle smart home.

Inoltre, grazie al nuovo programma FIMER è possibile estendere gratuitamente la garanzia da 5 a 10 anni: è sufficiente accedere alla pagina dedicata, registrare il numero seriale dell’inverter e fornire i dati richiesti per estendere gratuitamente la garanzia.

 

Scopri di più a questo link sulle soluzioni FIMER che rientrano nel Superbonus 110%!

 

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1559 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.