Annullata Light + Building 2020: nuove date 13 – 18 marzo 2022

Alla luce della situazione attuale relativa alla pandemia dovuta al coronavirus, Messe Frankfurt ha rinviato l’edizione del 2020 della fiera dedicata all’illuminazione

Annullata Light+Building 2020: nuove date 13 - 18 marzo 2022

Alla luce della situazione attuale relativa alla pandemia dovuta al coronavirus, Messe Frankfurt e i suoi clienti, i partner e le associazioni hanno concordato di rinviare Light + Building – prevista per settembre 2020 – al 2022. La prossima edizione di Light + Building si svolgerà dal 13 al 18 marzo 2022.

Allo stato attuale nessuno poteva garantire che sarebbe stato possibile far svolgere l’evento a settembre, o che questo sarebbe stato in grado di soddisfare le aspettative di fiera internazionale di riferimento del settore. Le normative e le possibilità di viaggio, così come i divieti di raduni pubblici, sono di fondamentale importanza per l’organizzazione di eventi e molti degli espositori e visitatori non avrebbero potuto prendere parte a fiere internazionali come Light + Building.

“La salute di tutti i partecipanti, espositori, visitatori, partner, è una priorità assoluta, così come è stato per noi importante anticipare i tempi evitando ove possibile costi inutili. – ha sottolineato Wolfgang Marzin, President and Chief Executive Officer of Messe Frankfurt – Non è stata una decisione semplice ma stiamo già concentrando i nostri sforzi affinché l’edizione 2022 di Light+Building sia un successo per tutti”.

Light + Building: alcune dichiarazioni di associazioni e partner

“Per le aziende del settore dell’illuminazione e della building automation la fiera Light+Building è estremamente importante; qui i settori con nuove tecnologie guardano lontano nel futuro. Sebbene ci rammarichiamo per la cancellazione, allo stesso tempo la appoggiamo. In considerazione delle molteplici incertezze e sfide era giusto, sulla base di un dialogo collaborativo, prendere insieme questa decisione” ha dichiarato Michael Ziesemer, Presidente della ZVEI.

“Nella situazione attuale non sarebbe stato possibile sperimentare lo spirito positivo, collegiale e innovativo che da sempre caratterizza Light + Building. Siamo tutti con la testa altrove e il distanziamento sociale non è compatibile con una fiera. Per questo dovremmo tutti guardare avanti: la fiera deve continuare a esistere come faro per il settore e come piattaforma ricca di idee dove confrontarsi. Sono certo che con rinnovata energia a marzo 2022 disporremo di una condizione di partenza migliore per la manifestazione” ha aggiunto Daniel Hager, Presidente dell’Associazione delle imprese di installazione elettrica in seno alla ZVEI,

Manfred Diez analizza la situazione dal punto di vista dell’Associazione dei produttori di illuminazione in seno alla ZVEI: “L’illuminazione è un settore molto innovativo con tanti nuovi prodotti e tecnologie e per mostrarli a un vasto pubblico Light + Building è uno dei nostri strumenti più importanti. Affinché resti tale – prosegue il Presidente dell’associazione – dobbiamo remare tutti nella stessa direzione”.

Parimenti Lothar Hellmann, Presidente della ZVEH, sottolinea: “Negli ultimi 20 anni Light + Building è diventata la piattaforma del settore per l’informazione e la tecnologia. Ciò che rende questa fiera leader mondiale assolutamente irrinunciabile è l’intenso confronto professionale. Il fatto che il dialogo e l’incontro di persona non possano essere sostituiti da nulla, nonostante tutte le possibilità della moderna comunicazione, è un’importante esperienza di questa crisi determinata dal Coronavirus. Guardo quindi con entusiasmo a Light + Building 2022 dove la protezione del clima, la mobilità elettrica e la digitalizzazione saranno il focus principale”.

Anche Holger Heckle, Presidente della VEG – Federazione nazionale tedesca dei grossisti di materiale elettrico, si è espresso al riguardo: ”Comprendiamo appieno questa decisione. È un vero peccato per il settore elettrotecnico che Light + Building non si possa svolgere nel 2020 e che dovremo cavarcela senza la nostra fiera più importante. Ma la salute viene prima di tutto.”

Per il 2020 la parola d’ordine per il settore è quindi riprendere fiato, per ripresentarsi ancor più forte a Light + Building 2022.

Avatar
Informazioni su Alessia Varalda 1539 Articoli
Ingegnere elettrotecnico con esperienza come Project Manager presso un'importante multinazionale attiva nel settore dell'energia e dell'automazione. La curiosità verso le tecnologie innovative e le soluzioni all'avanguardia nel mondo delle energie (tradizionali e rinnovabili) mi ha portata a lavorare per 14 anni presso un importante editore di riviste tecniche di settore scrivendo di home&building automation, illuminazione, comfort, efficienza energetica e sostenibilità.